VL PSD 07 - Splinter Cell

Titolo:
PSD Remastered - Splinter Cell
Serie:
Videoludica.it
Durata:
10 min
Pubblicato il:
10 Luglio 2018
Download: PSD 07

In questo penultimo episodio di Passione Sound Design Remastered, Carlo Burigana ci parla del comparto audio di Tom Clancy's Splinter Cell.

Parliamone insieme nell'OGI Forum!

VL Extra 01 - La Folle Impresa del Doppiare per Amore

Titolo:
La Folle Impresa del Doppiare per Amore
Serie:
Videoludica.it
Durata:
2h
Pubblicato il:
11 gennaio 2016
Download: Extra 01

In questo primo extra della storia di Videoludica.it Podcast vi presentiamo un progetto interessantissimo: BGEE - Progetto di Doppiaggio in Italiano

Esplorate e sostenete questo progetto e ascoltatevi l'intervista che Carlo Burigana (Passione Sound Design) ha realizzato proprio per approfondire la loro impresa.

Nella seconda parte sarà inserita una parte di episodio tagliata per ragioni di lunghezza e che fa riferimento alla lettura della posta di qualche episodio fa. Occhio, è ad alto contenuto polemico :D

Vi aspettiamo poi sul forum insieme a Aedan (degli Allegri Buffoni) per discutere e saperne di più sul progetto.

Buon ascolto

DVL 2x08 - La nobile arte del doppiaggio

Titolo:
La nobile arte del doppiaggio
Serie:
Dietrologia Videoludica
Durata:
2 h 50 min.
Pubblicato il:
15 marzo 2014
Download: DVL 2X08

Questa puntata assurdamente ricca di ospitate con la “O” maiuscola ideata, scritta, diretta ed interamente doppiata da Carlo Burigana, vede l’esordio autorale proprio di quest’ultimo che irrompe nel gruppo di DVL portando un’esclusiva intervista ad Alberto Angrisano, attore e doppiatore italiano che ha dato la voce a personaggi del calibro di Idris Elba, Samuel L. Jackson, John Malkovich e Tim Roth; da appassionato giocatore di videogames ci dice la sua sulla qualità del doppiaggio videoludico italiano e su come si lavora in studio di registrazione.
 
Ringraziamo vivamente anche il cast di attori doppiatori
 
Massimo Corvo (voce italiana di Laurence Fishburne, Vin Diesel, Sylvester Stallone)
Christian Insante (voce italiana di Bradely Cooper, Joseph Fiennes, Sam Rockwell)
Barbara De Bortoli (voce italiana di Naomi Watts, Sarah Jessica Parker, Claire Danes)
Sandro Acerbo (voce italiana di Brad Pitt, Will Smith, Michael J.Fox)
Francesco Cavuoto (voce italiana di Chris Bridges, Martin McCann, Matt Walsh)
Davide Marzi (voce italiana di Adrien Brody, Emile Levisetti, Rufus Sewell)
per i loro affettuosi saluti alla trasmissione.
 
Tutto questo sembra abbastanza? E invece no, perché nel consueto episodio di chiusura dei Gerontogamers interviene anche Chiara Colizzi (voce italiana di Nicole Kidman, Uma Thurman e Kate Winslet) a fornire una sensazionale interpretazione insieme allo stesso Carlo. Non perdeteveli!
  • Il doppiaggio: come si fa. Una carrellata sui processi lavorativi e sulle figure professionali del doppiaggio. Le principali differenze tecniche e artistiche tra il doppiare un film o una serie tv e doppiare un videogioco. Differenze, pregi e difetti dell’industria del doppiaggio videoludica romana e milanese.
  • Come si lavora col doppiaggio in America, in Giappone e infine in Italia?
  • Lingua originale o lingua italiana nei videogiochi? E l’utilizzo dei “talent” (ovvero di personaggi pubblici non professionisti del settore) nel doppiaggio di un videogame: secondo voi è un bene o un male?
  • Gli errori che nessuno nota: l’emissione della voce, la dizione dei doppiatori, le interpretazioni, i fuori sync e il mix in un videogame. Ci avete mai prestato attenzione? Quanto incidono questi fattori sul videogame che state giocando?
  • Il mestiere del doppiatore e le sue esperienze nell’industria videoludica passate e presenti. Segue contributo audio con intervista ad Alberto Angrisano.
  • Commento generale all’intervista. Si rigira la domanda fatta al doppiatore: Quanti riescono a valutare la bontà di un doppiaggio in un videogioco e su che basi? E’ davvero solo una questione di gusti o c’è bisogno di educare il pubblico ad una maggiore esigenza e settare degli standard qualitativi?
  • Quali sono i migliori e i peggiori doppiaggi di videogiochi delle passate generazioni per voi? C’è mai stato un titolo che ha saputo colpirvi positivamente o negativamente per il suo doppiaggio? 
  • Cosa ci riserverà il futuro? Come cambierà o evolverà il doppiaggio italiano in vista delle future produzioni sempre più numerose che invaderanno il mercato videoludico? La lingua originale e i sottotitoli sono destinati a prendere maggiormente piede per motivi economici o logistici a scapito del doppiaggio?
Buon ascolto!
 

DVL 1x17 - Senza lasciare tracchia

Titolo:
Senza lasciare tracchia
Serie:
Dietrologia Videoludica
Durata:
2h 40'
Pubblicato il:
6 agosto 2013
Download: DVL 1x17

Di doppiaggi scandalosi, doppiatori improvvisati e malattie sconosciute.

Ebbene si, finalmente questa prima ed interminabile stagione di Dietrologia Videoludica si conclude, e lo fa con un episodio che i professionisti del settore definiscono “a cazzarella”.

Con i piedi e i cervelli in ammollo nell’acqua salata della prima spiaggia libera disponibile il solito gruppetto di bagnanti da strapazzo si cimenta nella sublime arte della percualzione prendendo di mira i doppiaggi storici nonché fortemente imbarazzanti che hanno caratterizzato l’evoluzione del videogioco. Dove finiva l’improvvisazione e cominciava la professionalità? Sicuramente non iniziava dagli eccelsi esempi presi in considerazione nella puntata. Ma cosa è successo stavolta?

L’ultima puntata di stagione di Dietrologia Videoludica è funestata da accadimenti sanitari allarmanti. Simone Pizzi si scopre malato di una nuova forma di tubercolosi che colpisce le vie aeree e soprattutto la capacità mnemonica inficiandone gravemente il funzionamento. Anche il Distruggitore ne veniva infettato dando chiari segni di deficit mentali. Stefano Biggio, puntando sulla distanza, si rilassa contando i fantastilioni di franchi svizzeri guadagnati nell’ultima settimana di lavoro alla macchina del caffè a vapore e si vanta di giocare e guardare film in lingua originale facilitato dall’assenza di una localizzazione sarda decente. Luigi Marrone invece, contando sulle sue capacità auto-taumaturgiche, mantiene la calma e cerca di dare risposte sensate ai quesiti posti in un semidelirio. Anche Giuseppe Saso, reduce dalla visione di Pacific Rim coi colleghi malati di TBC Mentale, suda freddo ad ogni lapsus e prova a prenotare una vacanza in un centro di riabilitazione per malattie rare e/o sconosciute.

Tutto questo e altro ancora in questa puntati di…. di…. cacchio, questa è TBC Mentale, me lo sento…

Ascoltate tutta la puntata o vi pisciamo sulla tomba!!!

Inoltre come oramai usuale avremo anche un pensiero sui doppiaggi dai gerontogamers e per la gioia degli appassionati di fumetto (finalmente) il secondo episodio del fumetto del Distruggitore:

Discutiamo insieme nella sezione dedicata sul forum OGI.

Intervista al team di DoppioGioco

Il doppiaggio di The Walking Dead comincia a prendere forma e abbiamo ritenuto che potesse essere una buona idea andare a intervistare il DoppioGioco Team per capire le motivazioni e i confini di un progetto che ha già ottenuto un notevole riscontro per la rete.

Di seguito potete leggere il frutto di questo scambio, rimandadovi al forum per eventuali approfondimenti o altre domande che potreste avere.

Tsam: Ciao! Potete raccontarci un po del vostro gruppo, da chi è formato e come è nato?

DoppioGioco: Ciao ragazzi di OldGamesItalia! Vi ringraziamo prima di tutto per quest'intervista e per il vostro supporto attivo in questo nostro ambizioso progetto. In pochi mesi di vita stiamo già riuscendo ad avere una visibilità importante grazie a siti come il vostro, blog e canali dedicati. Ci fa molto piacere che siate in tanti ad apprezzare il nostro impegno.

Il 'DoppioGioco team', nasce da un'idea di Gioele Stella, giovane 3D artist, regista, sceneggiatore e attore e vanta al suo interno presenze quali studiosi di lingue straniere, esperti di software, attori e doppiatori di professione, tecnici del suono e grandi appassionati del mondo dei videogames.

Il team è nato con lo scopo di realizzare in modo professionale traduzioni, adattamenti e doppiaggi in lingua italiana per quei videogiochi che non sono stati localizzati per il nostro Paese o che lo sono stati solo parzialmente. Il nostro intento è quello di metterci in mostra all'interno di un settore dove non è affatto semplice emergere e poter quindi dimostrare le nostre capacità, realizzando per la prima volta delle modifiche per videogames dal basso, distribuite quindi gratuitamente sul web, che non abbiano nulla da invidiare alle localizzazioni ufficiali di altri titoli presenti sul mercato.

Tsam: Il vostro primo progetto annunciato è il doppiaggio di The Walking Dead. Da dove nasce la scelta di questo titolo?

DG: Abbiamo deciso di cominciare la nostra avventura con 'The Walking Dead' della Telltale Games per diversi motivi. Si tratta di un gioco che è piaciuto a molti all'interno del team e che ha avuto un grande riscontro di pubblico lo scorso anno, vincendo molti premi, tra cui l'ambito titolo di Game Of The Year.

A nostro avviso si tratta di un gioco molto particolare, diverso da tanti altri presenti sul mercato e slegato da logiche puramente commerciali. Il gioco della Telltale Games infatti, pur basandosi su un brand già ben avviato, non si limita a sfruttare banalmente un marchio di successo, come succede troppo spesso in questi casi, ma è in grado di offrire invece qualcosa di più al giocatore, di coinvolgerlo ed emozionarlo, grazie ad una grande trama e ad una caratterizzazione dei personaggi davvero ben curata.

La scelta di cominciare proprio da TWD è stata semplice: ci è sembrato che al momento fosse questo il gioco che meritasse la nostra attenzione e la nostra dedizione, proprio in virtù dei punti di forza sopra citati ed anche perchè si tratta di un videogioco che fa dei dialoghi tra i personaggi il suo grande punto di forza.

Siamo inoltre convinti del fatto che una localizzazione completa nella nostra lingua per questo gioco possa arricchire l'esperienza di gioco da parte dei videogiocatori italiani, migliorando, ci auguriamo, comprensione e giocabilità; quest'ultima soprattutto durante le scelte concitate in cui c'è bisogno di reagire rapidamente ai fatti che avvengono su schermo.

Tsam: La politica di Telltale rispetto alle traduzioni amatoriali non è mai stata cristallina; come vi ponete rispetto a questa situazione? Avete comunque intenzione di contattare Telltale?

DG: Ci teniamo a definire la nostra una traduzione non ufficiale piuttosto che amatoriale, proprio in virtù dei mezzi semi-professionali di cui disponiamo e delle nostre competenze. Definirci amatori sarebbe in qualche modo fuorviante e non inquadrerebbe al meglio quello che stiamo facendo.

La nostra patch porterà a Telltale Games molta pubblicità, un rinnovato interesse ed un'utenza ancora maggiore di quella attuale da parte dei tanti appassionati del videogioco in Italia e di tutti gli italiani all'estero, nonché l'attenzione del vasto mondo del 'modding' legato ai videogiochi.

Rispetto alla posizione di Telltale nei confronti del nostro lavoro non ci poniamo in alcun modo, perchè non la conosciamo ancora. La vastità del progetto, la cura, la professionalità e la passione con cui lo stiamo portando avanti non possono ovviamente che farci ben sperare in un futuro riconoscimento non soltanto da parte dell'utenza, ma anche da parte dei produttori.

Al momento comunque siamo concentrati solamente nella creazione della patch per avere il miglior risultato qualitativo possibile e, sebbene ci piaccia sognare e puntare in alto, quello che conta adesso è soltanto questo. Quello che sarà... sarà.

Tsam: Avete intenzione di rivedere la traduzione ufficiale oppure vi baserete su testi vostri?

DG: Stiamo lavorando con davanti agli occhi i testi originali in lingua inglese, i sottotitoli ufficiali in italiano (da poco rilasciati) da una parte e la traduzione amatoriale dall'altra; questo per farvi capire come sia importante per noi cogliere anche la più piccola sfumatura all'interno di una frase e non lasciare niente al caso.

Consideriamo di fondamentale importanza riuscire a rendere in un italiano corrente e corretto le espressioni dei protagonisti del gioco, rispettando sempre il sync e senza snaturare mai le caratteristiche dei singoli personaggi.

A tale proposito non possiamo non citare in particolare Roberta Innocenti e Willy Stella che stanno lavorando giorno dopo giorno, riga dopo riga, battuta dopo battuta (e sono tante, ve lo possiamo assicurare) a degli adattamenti fantastici per il primo episodio della serie, “Un nuovo giorno”.

Inoltre un ringraziamento particolare va anche a Cristian Falzone, che siamo lieti di avere attualmente come membro attivo del nostro team. Con il suo progetto di traduzione in italiano dei sottotitoli del gioco, Cristian ed il suo gruppo di traduttori, hanno permesso a molti non troppo bravi con la lingua inglese di comprendere meglio la storia e di portarla a termine. Molto probabilmente ora non saremmo qui a parlare di questo nostro progetto di adattamento e doppiaggio se non fosse stato per questi ragazzi.

Tsam: Dal punto di vista tecnico come siete organizzati?

DG: Tecnicamente procediamo seguendo diverse fasi, tutte molto importanti e fondamentali l'una al compimento dell'altra. Il primo passo è quello della localizzazione dei files audio all'interno degli archivi del gioco (e qui il buon Gioele, che si è andato da solo a ricercare e riordinare a mano 3.841 files, uno dopo l'altro, assegnando tutte le battute ai rispettivi personaggi, ne sa sicuramente qualcosa).

Poi si procede con l'adattamento dei dialoghi, cioè, come già detto, si pensa a far andare d'accordo tra loro movimento delle labbra, senso corretto della frase e coerenza con il personaggio che sta parlando in quel momento.

La fase successiva è quella del doppiaggio vero e proprio. I doppiatori si calano nei personaggi e danno loro spessore e vita. Differentemente da quanto accade per i film, come molti sapranno, il doppiaggio di un videogioco viene realizzato lavorando direttamente sull'onda sonora in lingua originale e, generalmente, si ricorre al video solo in situazioni particolari o, talvolta, non ci si ricorre affatto.

Noi, che ci troviamo al momento di questa intervista nella fase conclusiva degli adattamenti, pensiamo di ricorrere talvolta al video quando cominceremo a doppiare. Lo riteniamo opportuno perchè in alcune situazioni l'espressività e la fisicità dei personaggi sono preponderanti ed influiscono in maniera importante sull'interpretazione da parte del doppiatore.

Procederemo quindi con la verifica del doppiaggio, fase in cui controlleremo di aver effettivamente doppiato correttamente tutte le battute, senza aver tralasciato niente, di averle registrate senza problemi e di aver fornito alle singole tracce le caratteristiche e gli effetti sonori conformi agli ambienti in cui si trovano a parlare i protagonisti.

L'ultima fase prima del rilascio è quella del beta testing in-game, in cui proveremo il gioco, facendo tutte le scelte possibili, per vedere se la patch funziona sempre correttamente o se invece ci sono dei problemi da sistemare prima che questa venga diffusa.

Tsam: Quando prevedete che potremo sentire i primi materiali?

DG: Come avrete capito c'è davvero molto lavoro dietro a questo progetto.

Al momento il nostro team è ancora in una fase embrionale in cui ci sono pochi membri nel cast tecnico. Lavoriamo però davvero sodo per cercare di riuscire a realizzare la modifica nel più breve tempo possibile. Ovviamente, non essendo stipendiati per il nostro servizio, ci ritroviamo ad avanzare sì il più rapidamente possibile, ma non sempre a pieno regime, come invece ci piacerebbe fare. Per questo siamo sicuri che sarete comprensivi e che attenderete con pazienza il prodotto finale che faremo di tutto per rilasciare in ogni caso al più presto. Ancora non ce la sentiamo di fornire una data precisa per la patch del primo episodio, ma siamo fiduciosi e contiamo di farcela per questo autunno.

Presto vi faremo vedere sul nostro sito e sulla nostra pagina Facebook le foto dello spazio che stiamo allestendo per doppiare e rilasceremo altri contenuti che stiamo preparando per voi. Tra poco sarà disponibile anche un primo trailer di presentazione del progetto su Youtube e tanti altri contenuti per chi vorrà seguirci in questa lunga avventura.

Vorremmo inoltre spingere chi di voi ha competenze in uno degli ambiti precedentemente citati (traduzione/adattamento/sponsor/beta-testing) a contattarci e a proporsi (c'è una sezione apposita sul sito, oppure potete farlo tramite la nostra pagina Facebook); noi di DoppioGioco valuteremo ogni richiesta di entrare a far parte del nostro team e saremo felici di rispondervi e tenervi in considerazione.

Inoltre vi ricordiamo che, sebbene per questo primo episodio molti ruoli siano già stati assegnati, diamo la possibilità a chiunque lo voglia di partecipare alla fase del doppiaggio, mediante dei provini (i prerequisiti per mantenere una certa qualità del prodotto sono: avere già esperienza nel campo del doppiaggio e poter usufruire di una strumentazione semi-professionale per l'incisione della propria voce). Visto che i personaggi da doppiare sono tanti (nell'arco di tutti gli episodi) faremo un database dove raccoglieremo le voci che riterremo più interessanti.

Per saperne di più sui provini seguiteci sul nostro sito e su Facebook. Al termine degli adattamenti, quando cominceremo a dedicarci alla fase del doppiaggio, saremo più precisi e vi forniremo tutte le informazioni del caso, compreso il materiale audio/visivo sul quale registrare la vostra performance.

Ringraziamo ancora una volta OldGamesItalia per questo spazio all'interno del loro bel sito e invitiamo tutti voi a seguire gli sviluppi del progetto e a continuare a supportarci in molti, come già state facendo. - [DGteam]

Continuiamo a parlare di doppiaggio sull'Ogi Forum

The Walking Dead parlerà italiano

Annunciamo con piacere la nascita di un nuovo progetto amatoriale dedicato al mondo delle traduzioni; dopo lo sfortunato percorso seguito dalla localizzazione italiana (uscita ufficialmente praticamente in concomitanza della fine della traduzione portata avanti dall'amico Falzone), un gruppo di volonterosi ragazzi ha deciso di tornare sul luogo del delitto per donare la favella italica ai protagonisti di The Walking Dead.

Il progetto è ancora alle fasi iniziali, ma promettiamo di seguirlo con attenzione, anche per conoscere problematiche e dietro le quinte di un lavoro, il doppiaggio, che non capita di vedere spesso "applicato" nel mondo dei videogiochi, se non nelle produzioni AAA. Restate sintonizzati per avere presto novità!

Il sito del progetto
Parliamo di zombie anche sull'Ogi Forum