Racconti dalla Gamesweek 2013

Con gli occhi della diretta, eccovi un simpatico racconto della Gamesweek 2013 che chiude la nostra copertura ad uno dei più importanti eventi dell'anno.

E' stato un evento ricco di sorprese e con una partecipazione, quella di Bushnell, che non può non far battere il cuore di tutti gli oldgamers. Buona visione!

Gamesweek 2013 direttamente dall'Ogi Forum

I tempi che cambiano
Riflessioni dalla Games Week

 
Chi come me ha una certà età, videoludicamente parlando, alla luce di quanto accaduto alla GamesWeek allo stand di Call Of Duty, non può che fare un rimando al passato.
 
Quando penso ad Activision, mi ricordo la scritta super spixellata nel lato sinistro basso dello schermo mentre giocavi ad un gioco su una cartuccia dell'Atari 2600. L'ambiente di lavoro di Activision , così come la stragrande maggioranza del mondo videoludico, era composto da qualche ufficetto scalcinato dove nerd programmatori, da soli per lo più, programmavano videogame cercando di districarsi tra codice e limitazioni hardware. 
 
Certo, il mondo dei videogiochi è cambiato molto, anzi, lo ha fatto con costanza e progressione in modo radicale, sia in termini finanziari (investimenti ed entrate) tanto quanto come fenomeno di costume. Molti considerano ancora l'industria del videogioco come una nicchia, un mondo ancora ben distinto dalle altre forme di intrattenimento e forse è ancora così, ma di certo questo confine si sta sempre di più assottigliando e anche nel mondo dei videogiochi oggi sono presenti fenomeni di massa, fino all'isteria, che una volta erano ad appannaggio solo del mondo della musica, del calcio o del cinema più in generale.
 
L'occasione della GamesWeek è stata un ottimo spunto di riflessione perché in qualche modo ci ha permesso, per quanto la fiera sia estremamente ridotta rispetto alle altre controparti straniere, di osservare un universo in grande mutamento e che sta diventando oramai cibo per la massificazione, per quanto questo sia un bene o sia un male.
 
Torniamo ad Activision, più precisamente allo stand di Call of Duty Ghost. Ho sempre saputo che questi giochi hanno dei fan senza limiti, che la gente è accanita per questo brand anche se per molti come noi la cosa può sembrare quasi incomprensibile. Eppure è così, e nello scorso weekend ho scoperto che la cosa non è fatta solo di indefiniti bimbiminkia che ti insultano per rete durante le sessioni multiplayer, ma è fatta di ragazzini, più o meno giovani, con i loro sguardi persi dietro una fila infinita, con i loro odori ormonali, con la loro nerditudine a tratti depressiva, a tratti euforica. E io li osservavo e osservavo questa fila infinita e ho iniziato a parlare con alcuni di loro chiedendogli, ma in realtà chiedendomi, se "non li scoraggiasse tutta quella gente" o se "ne valesse la pena", ma soprattutto "per cosa?".
 
 
Ho imparato che per questi ragazzini non solo è importante perdere praticamente la gran parte della giornata per fare una fila e avere l'opportunità di provare una demo di Ghost, e magari portarsi a casa una copia omaggio, ma che la cosa di per se non gli costasse nemmeno tanta fatica. In realtà io che di file, per ragioni diverse, ne ho fatte tante, so che stare in attesa, camminare lentamente e quant'altro, alla fine diventa una gran rottura di balle ed è normale che alla fine qualcuno sclera ed inizia a fare un po di casino.
 
Ed è quello che è successo. Tra i giovani fanatici con lo sguardo speranzoso, con il serio e "sano" desiderio di arrivare al videogioco bramato, si nascondono anche i più facinorosi, i più oltranzisti fanatici che alla fine si mostrano nel loro aspetto più drastico. E alla fine ci sono stati problemi, qualche incidente, tanto che Activision, che ovviamente non è più la casetta software con dentro qualche programmatore ingobbito ma è un publisher multinazionale, ha dovuto prendere la decisione di chiudere la baracca per fare in modo che tutto tornasse alla normalità.
 
E io ripenso ancora a quei ragazzi, che erano molto in dietro nella fila. Chissà se ci sono riusciti a toccare l'oggetto del desiderio (che ai miei tempi aveva tutt'altro aspetto :D) o se si sono trovati in mezzo ai tafferugli o addirittura se sono rimasti a bocca asciutta perchè ancora troppo lontani.
 
Nello stupore, nell'aver imparato che questi ragazzi alla fine sono abituati a fare questa storia e mi domando: perché? Una rockstar, magari un bonazzo sudaticcio e con la chitarra era il frutto delle urla impazzite di adolescenti infoiate tanto quanto la super attrice stra bonazza era il desiderato oggetto di eserciti di adolescenti. Oggi, questi "sex" simbol sono il segno dei tempi, della massificazione del videogioco come forma espressiva, di intrattenimento e della sua nuova dignità come opera collettiva, ma allo stesso tempo fa riflettere proprio il fatto che questo simbol scatena gli stessi orgasmi di desiderio pur essendo frutto della virtualità.
 

AI 1x01 Video: Brusaporto Retrocomputing (le interviste)

La truppa di Archeologia Informatica ci porta in quel di Brusaporto durante l'omonima fiera: vediamo con Carlo Santagostino e Stefano Paganini le meraviglie di questa esposizione attraverso diverse interviste e interventi dal vivo. Tutto a passo di retrogame!

Brusaporto, voi c'eravate? L'Ogi Forum se lo chiede!

Eventi: Gamesweek

Milano sembra proprio che sarà la capitale dei videogiochi questo weekend! Dal 25 al 27 ottobre si terrà infatti Gamesweek, kermesse dedicata al nostro passatempo preferito e che vedrà al taglio del nastro una delle colonne storiche del settore, Nolan Bushnell.

Oldgamesitalia sarà presente all'evento con un manipolo di inviati insieme alle sorelle Archeologia Videoludica, Archeologia Informatica e Dietrologia Videoludica per cogliere il meglio di questi giorni intensi. Ci vediamo là?

Il sito della manifestazione
Appuntamento sull'Ogi Forum

Eventi: Playing The Game

Playing The Game è una manifestazione pubblica e gratuita, dedicata al dialogo tra videogiochi indipendenti e altre forme culturali come arte, musica e design che si terrà nella sua seconda edizione a Milano, sabato 26 e domenica 27 ottobre 2013.

Oldgamesitalia è quindi lieta di darne notizia e vi lasciamo al programma così proposto dal sito ufficiale; se siete da quelle parti questo weekend, potrebbe essere un bell'appuntamento da non perdere.

Protagonisti dell’evento saranno i progetti Bosch Art Game, Brush Chronicles e Will Love Tear Us Apart, che saranno proposti al pubblico attraverso postazioni di gioco liberamente fruibili, e un programma di presentazioni ufficiali con la partecipazione degli stessi sviluppatori.

Game:ART:Gallery, proporrà elaborati artistici, dal quadro all’installazione interattiva, realizzati mediante una molteplicità di tecniche e materiali, tra cui la tela, il legno, l’affresco digitale, lo Skybond. Le opere presentate da Game:ART:Gallery sono il tributo alle quattordici acquisizioni del MOMA e sono opere autoriali dei game artist Samuele Arcangioli, Massimo Giuntoli, Marco Mendeni, Gabriella Parisi, Luca Roncella, Filippo Scaboro e Streamcolors (Giacomo Giannella).
A tali opere GameSearch.it affiancherà una selezione significativa di video games appartenenti al recente passato, liberamente fruibili da parte del pubblico.

Sarà inoltre presentato dall’autore Luca Papale il libro Estetica dei videogiochi. Percorsi, evoluzioni, ibridazioni, edito da VIGAMUS – Museo del videogioco di Roma.
L’evento ospiterà anche talk e contributi di Andrea Chirichelli (Players Magazine), Emanuele Cabrini (GameSearch.it) e Michele Caletti, sviluppatore di Milestone che presenterà il suo gioco ideato indipendentemente: The Waste Land.

La giornata di sabato vanterà un ospite d’eccezione: OVOSONICO, che mostrerà al pubblico gli artwork originali di Murasaki Baby. Infine, Flavio Scutti e Tonylight (Antonio Cavadini) ci parleranno della Micromusic e animeranno la serata con musica dal vivo ispirata al mondo dei videogiochi.

Il sito ufficiale
Se volete giocare il gioco, fatelo sull'Ogi Forum

Eventi: Brusaporto Retrocomputing 2013

Amanti del retrocomputing e dell'oldgaming prendete la vostra agenda e segnate con il pennarello rosso il prossimo 20 ottobre 2013, perché in quella data si terrà l'ormai storica manifestazione Brusaporto Retrocomputing (edizione 2013), appuntamento imperdibile per tutti gli appassionati.

Come sempre cercheremo di essere fra i partecipanti a questo evento che ormai ci accompagna ogni anno nell'autunno dell'oldgaming: potrebbe anche esserci qualche sorpresa in arrivo. Voi ci sarete?

Brusaporto Retrocomputing 2013
Ci organizziamo sull'Ogi Forum?

Eventi: 1UP 8 bit music party

Nuovo appuntamento da non perdere per tutti gli appassionati di retro music domani 18 settembre all'Arci Ohibò, in via Benaco (MM3 Lodi, circa) - Milano, con il 1UP 8 bit music party, tutto suonato al ritmo di un magico Game Boy.

Ecco la line up dell'evento come riportata sulla pagina dell'evento:

Tonylight: cintura nera di Nanoloop, sperimentatore, veterano della scena 8 bit meneghina.

Arottenbit: portatore di barbe, veneratore di Belzebù, musicista eclettico. Quando non si esibisce con lo zufolo fa bum bum con il Game Boy.

Kenobit: gameboysta estremista con un motore alimentato a scimmie. Compone musichette per far ballare le genti e scrive minibiografie idiote sugli eventi di Facebook.

Pronti a seguire il ritmo?

La pagina Facebook dell'evento
Se passate e volete raccontarcelo, siamo sempre sull'Ogi Forum a ritmo di bit

Eventi: Geek Sunday

Amici di Roma e dintorni, il prossimo 5 maggio c'è un evento pensato apposta per voi; nella cornice del Planet avrà infatti luogo Geek Sunday, un'occasione di festa e di incontro per tutti gli appassionati di videogiochi e tecnologia.

Diversi gli appuntamenti durante la giornata, fra cui tornei di retrogaming, esposizione di pezzi più o meno rari e in generale la possibilità di condividere la vostra passione con amici e non. Oldgamers a raccolta?

Il sito dell'evento
Se volete condividere impressioni o organizzare ritrovi sull'Ogi Forum

Eventi: Insert Coin - Videogiochi proibiti

Nuova serata ad alto sapore di retrogaming quella che vi aspetta venerdì 26 aprile all'Arci Métissage di Milano, nel solito (e ormai necessario) mix di immagini e musica che accompagna questi piacevoli ritrovi fra appassionati.

Come potete intuire dal sottotitolo (che potete visionare cliccando sulla porzione di locandina qui sopra), l'oggetto della serata sarà il lato a luci rosse del nostro passatempo preferito, in una carrellata fra le produzioni più "affascinanti" che mente umana abbia saputo concepire. Appuntamento alle 9, per una serata da veri oldgamers.

L'evento su Facebook
Come sempre potete darvi appuntamento sull'Ogi forum

Eventi: Svilupparty 2013

Avete impegni per il prossimo maggio? Vedete di liberarvi! Svilupparty 2013, dal 10 al 12 maggio, è uno di quegli eventi che ci sentiamo di consiglarvi per vivere appieno la vostra passione per i videogiochi;  prima di tutto una festa, è infatti un evento nato per celebrare il lavoro degli sviluppatori italiani in due giornate ricche di appuntamenti per i rappresentanti di aziende del settore, sviluppatori indie, appassionati e retrogamer che possono incontrarsi per parlare dei propri progetti, raccontarsi ai propri colleghi e al pubblico.

La cornice è quella "magica" dell'Archivio Videoludico di Bologna nella sala della Biblioteca Renzo Renzi e considerando che ci saranno anche numerose postazioni di gioco per toccare con mano dopo aver ascoltato la teoria, quale occasione migliore per ritrovarci tutti assieme?

Il sito di Svilupparty
Per organizzare una comitiva sull'Ogi Forum

Eventi: Insert Coin - A Retrogaming Night

Nuovo appuntamento per gli appassionati di oldgaming sempre organizzato dalla premiata ditta Babich & Bortolotti: la serata di retrogaming milanese, torna con un evento tematico, tutto dedicato al mondo di Sega, dagli albori in sala giochi ai fasti nei salotti, dai capolavori a 16 bit alle follie del Dreamcast.

La serata inaugura un nuovo capitolo di Insert Coin, che da ora in poi, pur mantenendo il solito formato rilassato, affronterà un tema per serata, in modo da poter sondare più a fondo l'oceano del retrogaming. Vi basta per scaldare il vostro animo da oldgamer?

La pagina Facebook dell'evento
Per chi ci sarà non può mancare di segnalarlo sul nostro Ogi Forum

Eventi: Text Adventure Day

Gli amanti delle avventure testuali sono abituati ad essere poco considerati: pochi poligoni, nessun frame per secondo da valutare e soprattutto l'illusoria impressione che l'interazione sia ridotta ai minimi termini.

Se siete però fra coloro che ritengono che tutte queste siano false motivazioni, probabilmente interverrete con piacere al Text Adventure Day che si terrà al Vigamus il prossimo 9 marzo; considerando che fra i partecipanti ci saranno Bonaventura Di Bello, Enrico Colombini e il "nostro" Roberto Grassi, potrebbe essere un'ottima occasione per ri-vivere i bei tempi che furono.

Se volete organizzarvi per partecipare all'incontro sull'Ogi Forum
Se volete capire cos'è il Vigamus

 

Eventi: Insert Coin - A Retrogaming Night

  

Segnaliamo, colpevolmente per la prima volta Insert Coin - A Retrogaming Night, una serata dedicata al retrogaming organizzata da due pesi massimi del settore, Andrea "Bisboch" Babich e Fabio "Kenobit" Bortolotti

La formula è semplice: un proiettore, un doppio arcade stick e tanto amore pixelloso; l'ospite speciale della serata sarà un Commodore 64 (o forse anche DUE C64), che apparirà sia per i suoi classici, sia per le sue mirabili potenzialità audio.

L'ingresso è gratuito con tessera Arci, e i primi 50 ad arrivare si porteranno a casa gratis la spillina della serata, la seconda della serie del 2013, con l'ombrellino del flyer.
 
E voi ci sarete?
 

Eventi: La storia del videogioco

Segnaliamo con piacere questo evento degli amici della Mecca del Videogioco: il 2 febbraio, in diretta da Singapore, potrete assistere ad una lezione sulla Storia dei Videogiochi tenuta da Roberto Dillon,  Assistant Professor e Direttore del Dipartimento di Game Design del DigiPen Institute of Technology (Singapore campus) e curatore del “James Cook Museum of Video and Computer Games”, il primo museo interamente dedicato ai video giochi in Asia, con il co-intervento di Giansandro Rosasco e di Max Pontello, fra i fondatori della mecca stessa. 

La giornata non si ferma qui, con nel pomeriggio una visita guidata al museo e in serata un momento conviviale dove si respirerà l'area degli amanti del retrogaming; crediamo possa essere una buona occasione per tutti gli oldgamers e in generale un'iniziativa da sostenere per diffondere la cultura del videogioco.

Se sarete da quelle parti, fateci sapere!

Se volete qualche informazione in più sulla Mecca del Videogioco e sulla giornata del 2 febbraio
Se volete parlarci della Mecca sull'Ogi Forum