Dopo Diablo, anche i primi due Warcraft arrivano su GOG!

Da qualche giorno, sullo store di GOG, sono arrivati in vendita i primi due giochi della serie Warcraft, il secondo corredato dall'espansione.

La collaborazione tra GOG e Blizzard, che ha riportato sui nostri computer Diablo, prosegue. Warcraft 2 in particolare ha subito un patching e restyling simile a quello di Diablo, sono presenti due modalità di gioco, la classica e una modernizzata in high-res ed è stata aggiunta la compatibilità con i sistemi operativi moderni.

Peccato che, ora come ora, Warcraft 2 sia presente solo in lingua inglese, anche se è possibile che la versione doppiata in italiano venga aggiunta in un secondo momento.

Rigiochiamo insieme Diablo 1 - Parte I
Le run di Micartu con Diablo versione GOG

Come Frank Castle scrive nel film The Punisher: “Lascio la presente come lettera d’intenti, così nessuno si confonderà…”, allo stesso modo io inizierò questa disamina avventurosa, specificando che non intendo scrivere una retro-recensione o un pezzo di critica videoludica, bensì raccontarvi la mia esperienza dopo più di venti anni con Diablo e Diablo 2.

Recentemente GOG, in collaborazione con Blizzard Entertainment, ha rilasciato sul suo store online il primo capitolo della serie, dopo averlo fixato e re-impacchettato di modo che possa girare sui sistemi operativi moderni a risoluzioni superiori rispetto alla 640x480 originale (800x600 in presenza dell’espansione Hellfire). Quale migliore occasione, per la mia ultima e definitiva run del gioco?

Dicevo poca fa che non intendo parlarvi più di tanto della genesi del gioco o della sua storia, perché purtroppo ho riscontrato gli stessi problemi incontrati dall’autore del Digital Antiquarian quando trattò dei videogiochi creati da Lord British.

Gli autori di Diablo, come Garriott con Akalabeth, hanno rilasciato moltissime interviste negli anni sulla genesi del titolo, esiste persino un libro incentrato sul making of, ma dicendo tutto e il contrario di tutto. In alcune di queste interviste capita che calchino troppo la mano, asserendo per esempio di aver creato ex-novo con Diablo il genere degli ARPG (action role playing game). Questa è una cosa in parte veritiera, nel senso che tutti gli ARPG successivi hanno bene o male seguito la linea tracciata da Diablo 1 e 2, ma è altresì vero che, a fine anni ’80 e inizio anni ’90, furono realizzati videogiochi che presentavano un tipo di gameplay riconducibile al genere.
In altre interviste, queste “fonti di ispirazione” vengono invece riconosciute; questo mi ha ricordato un poco il caso di CAPCOM, che, a fasi alterne, prima definisce Resident Evil il primo survival horror della storia, poi occasionalmente riconosce dei meriti al vecchio Alone in the Dark. Quindi sappiamo essere certe, nel senso che possiamo effettivamente verificarle, solo determinate nozioni che ci arrivano dai diretti interessati.

David Brevik, il principale creatore di Diablo, in un’intervista a Gamasutra in occasione del ventennale del primo titolo (1996-2016), ci racconta di come questo RPG fosse nella sua mente sin dai tempi della scuola. Infatti il nome “Diablo” è riconducibile all’omonimo monte presente nella California Bay’s Area, dove Brevik frequentava le superiori. Sorvolerò sulla carriera in campo videoludico di David, diciamo solamente che la sua compagnia creatrice di videogiochi venne acquisita nel 1996 da Blizzard, si formarono così Blizzard North, responsabile dello sviluppo di Diablo, e Blizzard South.

In origine, secondo la visione di Brevik, il nostro videogioco avrebbe dovuto essere un RPG a turni con party: l’autore era infatti un grande appassionato di Crawler RPG, ma pare fosse l’unico nel team di sviluppo ad avere questa visione. Quando Blizzard South propose di rendere il gioco “attivo” e in solitaria, e la cosa venne messa ai voti, l’unico a sfavore fu proprio Brevik, che quindi si arrese al cambio di direzione.

C’è da dire che all’epoca il genere degli RPG era in pieno declino, diciamo quasi abbandonato, e proporre un RPG a turni, secondo la visione della compagnia, non avrebbe portato grandi numeri di vendita. Per quanto riguarda la visuale di gioco (isometrica) e il movimento del personaggio, utilizzarono come modello da imitare, quello della saga di X-COM, una serie di giochi di cui il team di sviluppo era appassionato.

Inizialmente non era previsto il multiplayer, ma poi Blizzard South decise di inserire nel gioco il sistema Battle.net, così alcuni elementi di entrambe le sezioni collaborarono all’implementazione. Presero la faccenda dei possibili cheat un po’ troppo sotto gamba e a causa dell’esplosione del fenomeno, all’uscita del gioco, furono costretti a numerosi patching poco incisivi. Questo portò, durante la realizzazione di Diablo 2, a una totale revisione del sistema Battle.net.

Come spiegavo, non sono intenzionato a fare una retro-recensione del gioco, parlandovi approfonditamente della trama o del lore, o di come venne accolto dalla critica all’epoca della sua uscita. Immagino che Diablo lo conosciate tutti: è un capolavoro. Chi invece non sa di cosa si tratti, può visitare la pagina di Wikipedia dedicata e informarsi su tutto.

Siamo quindi rimasti a Micartu, in possesso di un box di Diablo originale, che però non riesce più ad utilizzare “dignitosamente” sul suo PC moderno. Esistono numerose patch amatoriali e gratuite per Diablo, che gli permettono di girare senza problemi sulle configurazioni attuali, il problema è però che, come spesso accade in questi casi, non si limitano a rettificare i problemi, ma agiscono come vere e proprie MOD, aggiungendo contenuti arbitrari.

Questo io lo trovo giusto nel caso di videogiochi nati e usciti monchi, come Vampire Bloodlines o Knight of the Old Republic 2, ma nel caso di Diablo, una gemma di bilanciamento, perché aggiungere materiale? La release GOG casca a fagiolo: alla modica cifra di 8 euro, che molti ritengono esosa e io reputo giusta, ci permette di giocare Diablo in versione “vanilla”, con lo stesso feeling di venti anni fa.

Felicissimo lo installo e lo avvio. Subito mi appare una finestrella con la possibilità di scegliere se giocarlo in versione ad alta risoluzione (solo connessioni LAN disponibili) o in modalità originale SVGA (utilizzando Battle.net) e di impostare risoluzione e filtri grafici. Scelgo la versione high-res moderna, imposto la risoluzione, le opzioni video, quelle relative alla visualizzazione dei filmati e via, siamo pronti. Tac! Ecco l’introduzione di Diablo, a 1680x1050 fullscreen (ho un monitor 16:10), in 4:3 con bande nere ai lati. Sto giocando come nel 1996.

L’introduzione, seppur datata e spartana, fa ancora il suo sporco effetto. All’epoca il filmato colpiva in bellezza, oggigiorno ciò non è ovviamente più possibile. Però bisogna fare un distinguo: ci sono filmati della seconda metà degli anni ’90 che visti oggi fanno ridere, quello di Diablo no, riesce ancora a trasmettere una certa atmosfera, in linea con quella del gioco. Certo, mi rendo conto di una cosa, a differenza delle intro moderne, questa non ci racconta nulla della storia, ci mostra prima l’arrivo di un guerriero in un villaggio desolato e in decadenza, dove dei corvi stanno spolpando alcuni cadaveri, poi un dungeon dove mille occhi crudeli ci osservano dall’ombra, poi compaiono demoni, creature malefiche e infine Diablo.

Passata l’introduzione mi trovo nella schermata dei menu di gioco, semplice e minimale. Dalle varie interviste emerge che avevano voluto creare qualcosa di semplice, qualcosa in linea con i menu di gioco dei vecchi Doom. Anche la schermata di generazione del personaggio è semplicissima, si deve solamente scegliere una classe tra le sole tre disponibili: guerriero, stregone, ladra, e poi inserire il nome del personaggio. Brevik ha più volte spiegato che una cosa che ha sempre odiato degli RPG è la fase di generazione del personaggio, quando è troppo lunga e complessa. Secondo lui, l’immediatezza in questa sezione è una cosa fondamentale, non si dovrebbe sottrarre inutilmente tempo alla vera esperienza di gioco. 3-2-1 bisogna cominciare a giocare! In parte la penso come lui, ci può sempre essere più tardi, in gioco, la possibilità di caratterizzare meglio il proprio personaggio, attraverso l’assegnazione di punti alle caratteristiche al passaggio di livello, oppure attraverso un albero di skill da personalizzare, il tutto senza maciullarci gli zebedei ad inizio gioco. Qualcuno ha detto Darklands?

Scelgo di interpretare un guerriero, nei videogiochi è il mio personaggio preferito assieme al Paladino. Un po’ piatto? Beh, se devo giocare a livello cartaceo mi piace interpretare il bardo o il ladro, sempre caotico neutrale, un pazzoide, un po’ Robin Hood, un po’ Tom Bombadil e un pizzico Jack Torrance: “Wendy, sono a casa, amore!”, però nei videogiochi trovo il guerriero una classe semplice e affascinante.

Pronti, via! Sono di nuovo nel villaggio di Tristram. Tutti i PNG (personaggi non giocanti) sono fermi lì, immobili al loro posto, pronti a scambiare quattro chiacchiere, a rifilarmi quest oppure a commerciare ogni genere di bene.

A dire il vero, questa staticità dei PNG è un elemento di Diablo 1 e 2 che non ho mai apprezzato più di tanto, garantisce semplicità ma rende anche molto lineari le nostre interazioni con gli abitanti del villaggio. Non sarebbe stato meglio inserire qualcosa di simile al Virtual Theatre di Revolution? Deckard Cain per esempio sarebbe potuto andare a visitare la taverna in assenza del protagonista, avrebbe significato portare la vita in quella che sembra invece una Polaroid fissata lì, fuori dal tempo. Ma forse pretendo troppo, o forse i programmatori la pensavano in un altro modo.

Con questo pensiero nella testa, subito noto in sequenza tre cose. Le prime due sono sensoriali: riconosco subito al volo la musica presente nello scenario del villaggio.
Non che la soundtrack fosse chissà che cosa, ma cavolo, a mia insaputa, quel motivetto 20 anni fa si era radicato in qualche zona del mio cervello, e considerate che io ho scarsa memoria musicale!

La seconda cosa che noto è che il feeling visivo è lo stesso dell’epoca. Bene!
Successivamente ho fatto delle ricerche per capire come GOG e Blizzard abbiano lavorato per portare il gioco ad alte risoluzioni. Non essendo in 3D, non era possibile spararlo a schermo intero a risoluzioni superiori a 640x480, avrebbero dovuto a quel punto ridisegnare tutto il gioco, cambiare l’engine, modificare il raggio di attivazione visivo dei nemici, insomma fare un remake.
Non ho trovato informazioni precise, ma mi sono fatto l’idea che il motore di gioco calcoli un’immagine grande come la risoluzione selezionata, per poi proporci a schermo una porzione zoomata corrispondente a quella visualizzata all’epoca, porzione a cui poi vengono applicati filtri per evitare sgranature. Più o meno la stessa tecnica utilizzata da Nordic nella versione high-res di Silver.

La terza cosa che mi viene in mente è che finora non è stato fornito un singolo elemento di background o dettaglio sulla storia di fondo. Ops, dimenticavo: il gioco, testi e parlato era ed è soltanto disponibile in lingua inglese, un inglese molto semplice e facilmente comprensibile, a dire il vero. Comunque, parlando con i PNG, scopro che il mio personaggio è un vecchio abitante di Tristram, a cui ha appena fatto ritorno, e che orde di demoni, briganti e altro, hanno progressivamente devastato il villaggio, che tutti se ne sono andati tranne una manciata di abitanti, che il male sembra provenire dall’antica cattedrale e che l’Arcivescovo Lazarus ha guidato un manipolo di valorosi nelle sue profondità, in cerca del giovane Principe scomparso recentemente.

Inutile dire che il manipolo è stato massacrato da demoni e altre creature e solo un paio di persone sono sopravvissute. Sono un po’ perplesso… e gli Horadrim, il re, i tre mali primigeni? Il lore che ricordavo che fine ha fatto? Un po’ confuso, che brutto invecchiare, prendo il manuale del gioco e scopro che in esso viene riportata la storia del mondo di Sanctuary, con tanto di spoiler vari (incredibile ma vero), dalle sue origini al momento in cui ha inizio la nostra avventura. Suggerisco quindi a chi non lo ricorda, o non l’ha ancora affrontato, di leggere il manualetto solo a fine partita.

Parlandone poi con Gwen, che ha letto il libro dedicato al making of del gioco, ho scoperto che la trama fu ritenuta inizialmente un elemento secondario nella creazione di Diablo, e che venne inserita, un po’ a forza, nelle fasi avanzate dello sviluppo, e che dovrebbe in parte, ma solo in parte, emergere dai dialoghi con i PNG (dicerie e quest) e dalla lettura di alcuni libri che si trovano nei livelli più avanzati del gioco. Il resto, il più a dire il vero, dovremmo apprenderlo attraverso la lettura del manualetto.

Benissimo! Mi faccio coraggio e mi dirigo quindi a passo spedito verso la cattedrale.

Parliamone insieme nell'OGI Forum!

Addio alle conversioni GOG non funzionanti

Negli ultimi tempi, alcune delle nostre conversioni e traduzioni GOG stanno cominciando a non funzionare più. Era già successo in passato e avevamo rifatto le patch per adeguarci ai cambiamenti che GOG aveva apportato ai giochi.

Ma, adesso, si rivela impossibile continuare a star dietro a tutte le modifiche che, a sorpresa e non sempre necessariamente, vengono apportate ai giochi. Le conversioni/traduzioni non funzionanti, quindi, non verranno rimpiazzate e verranno rimosse all'occorrenza.

Al momento, abbiamo eliminato quelle di I Have No Mouth and I Must Scream, Ultima Underworld e Gabriel Knight, che appunto non funzionavano più.

Restano disponibili le conversioni per le versioni retail, che per fortuna sono immutate nel tempo.

GOG riscopre le avventure della Legend

La Legend Entertainment è da molti considerata l'erede della mitica Infocom. Fondata nel 1989 da Bob Bates e Mike Verdu, questa software house ha tentato di evolvere il genere delle avventure testuali, aggiungendo schermate grafiche interattive grazie a un'interfaccia punta e clicca (opzionale), senza rinunciare a parser, testi dettagliati e scrittura di primo livello (non a caso annoverava Steve Meretzky tra i suoi autori di punta). Purtroppo la Legend non ebbe mai il successo che avrebbe meritato, ma sicuramente è rimasta nel cuore di tantissimi appassionati, che la seguirono anche quando si arrese all'evolversi dei gusti dei giocatori e iniziò a produrre avventure grafiche vere e proprie.

Grazie a GOG.com possiamo oggi riscoprire le origini di questa mitica casa di produzione grazie alla riedizione di alcuni dei suoi classici: al momento sono disponibili Eric the Unready e la serie di Spellcasting, ma nulla vieta di sperare che presto arrivino anche altri titoli, almeno quelli non legati a qualche opera letteraria protetta da copyright (la Legend era famosa per trasposizioni digitali di romanzi, come la saga di Shannara).

Lucidate dunque le vostre tastiere e andate a (ri)scoprire una software house che ha tenuto alto il nome della narrativa interattiva quando Lucas e Sierra dominavano ormai la scena delle avventure.

Visita GOG.com

Wing Commander: Prophecy in italiano su GOG

Siamo contenti di annunciare che un altro gioco si aggiunge alla lista di giochi tradotti in italiano su GOG.com!

Si tratta di Wing Commander: Prophecy, l'ultimo titolo della famosa serie. Oltre al gioco, sono disponibili in versione italiana il Manuale di Volo, le Schede di Riferimento, la Mappa dell'Universo e il Sistema informativo Integrato di combattimento.

Ringraziamo indiana per aver passato a GOG tutti questi contenuti, e vi lasciamo il link per l'acquisto del gioco!

Prisoner of Ice e Deathtrap Dungeon ora in italiano su GOG!

Altri due giochi fanno la loro comparsa, in versione italiana, su GOG.com.

Uno dei due è Call of Cthulhu: Prisoner of Ice, avventura grafica ispirata all'universo creato da H. P. Lovecraft, la cui versione italiana è stata fornita da OldGamesItalia.
Il secondo gioco è Deathtrap Dungeon, action adventure della Asylum Studios.

Entrambi i giochi mancano (ancora?) di manuale in italiano, ed entrambi sono disponibili in sconto, in questi giorni, sul sito di GOG.

Cominciano gli sconti estivi su GOG

Partono, con un certo anticipo, i saldi estivi su GOG.com. Più di 1500 giochi in sconto e con il primo acquisto si ottiene una copia gratis di Rebel Galaxy.

Qualche segnalazione per gli utenti di OGI:

- Molte le avventure grafiche in sconto, fra cui il nuovissimo Thimbleweed Park.

- Tra gli rpg in sconto, segnaliamo Pillars of Eternity a 18 euro e sconti minori per TToN, Wasteland 2, Original Sin, The Witcher 3 e la versione Enhanced Edition di Planescape Torment.

- Molti, ovviamente, gli oldgame in offertissima a pochi euro.

Silver in italiano su GOG!

Il 2017 comincia con un'ottima notizia: GOG.com ha rilasciato la versione italiana di Silver! Come hanno annunciato nel topic della loro community, ora tutte le versioni di GOG già acquistate vedono inclusa la traduzione e il manuale in italiano. Ovviamente, chi lo comprerà da adesso in poi, avrà ugualmente il gioco in italiano.

Di conseguenza, togliamo la conversione dal nostro sito: chi desideri il gioco, può comprarlo su GOG!

GOG.com regala Little Big Adventure 2 (per 48h)

Su gentile segnalazione di Fantasya, ospite del nostro forum, siamo lieti di avvertirvi che GOG.com sta regalando per 48 ore (fino a mezzogiorno di sabato 5 novembre) Little Big Adventure 2, onirica avventura action della meteora (ma quanto brillò negli anni '90!) Adeline Software.

Per aggiungerla al proprio catalogo (digitale) è sufficiente essere registrati a GOG.com, che in questi giorni è nel mezzo di un'interessante campagna di sconti. Un gran bel pezzo di oldgame gratis è sempre un ottimo richiamo e potrebbe spingere qualcuno a lasciarsi conquistare dai prezzi ribassati.

Sito ufficiale di GOG.com

I summer sale di GOG regalano System Shock 2

Ieri sono cominciati i saldi estivi sulla piattaforma di GOG.com, store digitale che ha fatto la sua fortuna sulla ricommercializzazione di vecchi capolavori videoludici. Solitamente non stiamo troppo attenti a tutto l'alternarsi di saldi, ma questa volta li segnaliamo in quanto per chi ha installato sul proprio PC il client Galaxy di GOG avrà in regalo - ancora solo per 24 ore - System Shock 2, un FPS/RPG che rappresenta un coposaldo del genere e che ha poi ispirato tanti altri prodotti (da Deus Ex a Bioshock).

Inoltre raccogliendo punti acquistando giochi e altre operazioni lungo tutto il periodo dei saldi è possibile riceverne in omaggio altri: Spelunky, Gabriel Knight: Sins of the Fathers e il Season Pass di Dreamfall Chapters.

Per l'occassione prendiamo in prestito la videorecensiondi Gianluca Santilio per presentare System Shock 2 a chi ancora colpevolmente non lo conoscesse e ricordiamo anche che è disponibile una traduzione amatoriale (che non è stata curata da noi di OldGamesItalia) del gioco.

Arriva GOG Connect

Arriva una nuova feature made in GOG: il GOG Connect, che consente di connettere, appunto, l'account GOG a un account Steam. In questo modo, sbloccheremo su GOG una copia di alcuni dei nostri titoli Steam. Come dice GOG: perché comprare il gioco due volte?

Non è però possibile sbloccare tutti i giochi Steam che si possiedono: sono disponibili solo i seguenti titoli:

- The Witness
- FTL: Faster Than Light
- The Incredible Adventures of Van Helsing: Final Cut
- Galactic Civilizations 3
- Trine Enchanted Edition
- Saints Row 2
- Shadowrun Returns
- The Witcher: Enhanced Edition

Ed è possibile sbloccarli solo entro 5 giorni. Nuovi titoli verranno annunciati in futuro. Non è stata data spiegazione per queste strane limitazioni, che di fatto vanificano in parte le buone intenzioni di GOG.

Anunciamo infine che, per "festeggiare" l'inaugurazione di GOG Connect, alcuni titoli sono andati in sconto fino al 6 Giugno.

La libreria di GOG si arricchisce di giochi in italiano

In questo finesettimana pasquale GOG.com ha recuperato diverse localizzazioni di acuni suoi giochi in catalogo, parliamo di versioni in Tedesco, Francese, Spagnolo e per alcuni titoli anche la versione in Italiano.

Potete trovare l'elenco completo naturalmente sul sito dello store, ma contestualmente vogliamo segnalare due rilasci in italiano che sono stati possibili grazie a due componenti della nostra comunità: Indiana e Mik0 che hanno aiutato GOG nel recupero della localizzazione rispettivamente di Lure of the TemptressAfterlife.

Ravenloft, Dark Sun e Krynn su GOG.com!

Fanno finalmente la loro comparsa su GOG tre grandi assenti dai vari bundle di Dungeons&Dragons: la serie Ravenloft, quella Krynn e quella di Dark Sun!

Della prima serie, potrete acquistare Strahd's Possession - che abbiamo patchato qualche tempo fa - e Stone Prophet.

Nella serie di Krynn troverete:  Champions of Krynn, Death Knights of Krynn e The Dark Queen of Krynn.

Infine, nella serie di Dark Sun avrete Shattered Lands e Wake of the Ravager

Tre stupende serie con cui ccompletare la propria collezione di titoli D&D!

GOG.com: grandi sconti sulla saga di Leisure Suit Larry per 24 ore!

Ottima notizia per tutti gli amanti di Larry Laffer, il protagonista della famosa saga Sierra Leisure Suit Larry: solo per oggi, su GOG.com, troverete l'intera saga in grande sconto. Tra i vari titoli è incluso ovviamente il sesto, del quale rilasceremo a breve la traduzione.

Che aspettate? Tuffatevi nell'umorismo e nelle pupe di Al Lowe a questo link!