DVL racconta: Deadlight

Deadlight, ovvero zombie, zombie e zombie. Il genere morti viventi non declina mai nel mondo videoludico ed eccoci con questo gioco che poteva essere leggermente più ispirato. Gameplay di Giuseppe Saso e commento assieme a Marco Gualdi e Carlo Burigana.

Zombie sull'Ogi Forum

L'interessometro: Deadlight

L’Apocalisse Zombie è uno dei concept più (iper)abusati degli ultimi tempi. C’è chi fa leva su tale pretesto per puntare all’aspetto gore, c’è chi preferisce un’atmosfera tesa e c’è chi si concentra maggiormente sul lato action.

“Deadlight” segue una strada lievemente differente. Pur contando sul tipico mood disperato e su alcune tematiche che finiscono per ricordare il serial “The Walking Dead” (come gli immancabili umani ‘più spietati degli zombie’), si distingue per un approccio puzzle solving riducendo al minimo gli scontri diretti. Si tratta, in sostanza, di proseguire attraverso una serie di salti e di interazioni con l’ambiente, cercando di evitare quanto possibile i numerosi nemici attraverso una struttura action-adventure che può richiamare “Another World”.