Doki Doki Literature Club

Quante volte abbiamo interpretato il classico adolescente giapponese che cerca l'amore (o... altro) nei meandri del liceo? In Doki Doki Literature Club torna questo scenario familiare.
Questa volta, siamo invitati dalla nostra amica di infanzia Sayori a esplorare il club scolastico della letteratura di cui lei è vicepresindente. Noi vorremmo iscriverci a quello di anime, ma, per accontentarla, andiamo a dare un'occhiata. E quando troviamo ad attenderci altre 3 belle fanciulle, pronte a farci gli occhi dolci se proviamo ad andarcene... beh, è ovvio che decidiamo di iscriverci.

Doki Doki Literature Club parte quindi come un classico Date Sim. Avremo a disposizione tre fanciulle fra cui scegliere: la nostra amica di infanzia Sayori, la tsundere tappettina Natsuki e la timida e raffinata Yuri. Su tutte veglia Monika, la presidente del club, che ci assegnerà il “compito giornaliero”: scrivere una poesia da condividere con le fanciulle il giorno successivo. A seconda delle parole che sceglieremo per comporre la nostra poesiola, vinceremo “punti” con una delle tre fanciulle.

Tutto normale, giusto? Sì, se non fosse per il fatto che piano piano l'atmosfera cambia, certe battute di dialogo suonano strane nel contesto in cui sono inserite e il comportamento dei personaggi diventa sempre più isterico, fino a che una delle fanciulle compie un atto, diciamo, “definitivo”. Da quel punto in poi, quel che davvero state “giocando” si svelerà piano piano.

La particolarità di Doki Doki Literature Club non sta tanto nel suo improvviso cambio di genere, quanto nel modo in cui “gioca” con il giocatore, decostruendo il genere a cui finge di appartenere e utilizzando diverse features del motore di gioco, Ren'Py, in modi inconsueti. Il date sim, infatti, non sta lì soltanto come maschera della vera storia: è il cardine della vera storia, i cui elementi verranno usati dal gioco per raggiungere il suo scopo, e il gioco è al tempo stesso una riflessione sul genere stesso. Per raggiungere il vero finale, anche noi saremo costretti a ricorrere alle stesse “armi” del nostro avversario.

Purtroppo, spiegare nel dettaglio come funziona tutto questo è molto spoiler, quindi eviterò. Per certi versi, mi ha ricordato alcuni stratagemmi che la Love usa in Analogue, quando la sua protagonista interagisce con noi (proprio noi giocatori) o quando bisogna fare meta-gioco per sbloccare un certo finale; ma Doki Doki Literature Club porta questi stratagemmi a un livello ulteriore.

Non ci sarà un paragrafo dedicato alla storia, perché questo è proprio il caso in cui voi la create (ehm, la distruggete) assieme al gioco.

La caratterizzazione delle fanciulle, all'inizio, ricalca i soliti stereotipi del genere, ma presto se ne discosta abbastanza. Ho letto critiche alla loro caratterizzazione, che sarebbe poco approfondita, e in un certo senso è così, ma è anche una cosa voluta e pienamente sensata visto il contesto.

Lo stile grafico è super-kawaii e le ragazze sono, ovviamente, tutte bellissime. I loro sprite hanno diverse pose ed espressioni (anche alcune che non immaginereste e no, non intendo nulla di quel tipo!) e il gioco presenta molte illustrazioni, curatissime.

La OST è abbastanza varia, simpatica quando serve e creepy quando deve esserlo. E kudos al team per i vari effetti grafici, ottimamente riusciti!

Doki Doki è, ovviamente, solo in inglese. Non è un inglese troppo difficile e, di norma, i testi aspettano che voi li abbiate letti per proseguire (a meno che non cliccate su Auto, ovviamente!). In alcuni casi i testi non vi aspettano, ma è voluto che non riusciate a leggerli in quelle situazioni (o che, al massimo, li intravediate... capirete quando ci arriverete). Una parte di un finale è solo audio: è apprezzabile anche senza capirla, penso, ed è comunque breve: fa parte dei credits ed è un regalino per aver completato un certo finale.

Il gioco dura circa 3-4 ore per raggiungere il primo finale; aggiungete anche 2 orette se volete vedere tutti i finali (per alcuni motivi, il tasto Skip non sempre sarà utilizzabile, quindi alcune sezioni dovrete farle proseguire a mano o gestendo la velocità di apparizione e della funziona Auto come ho fatto io: quasi veloce come il tasto Skip!).

Mi sono divertita un sacco con Doki Doki Literature Club! È un'idea curiosissima, gestita in modo eccellente e molto ingegnoso. I personaggi forse non vi resteranno nel cuore per sempre, ma non vi pentirete di aver dedicato al gioco il tempo che vi richiede.
E... fate attenzione al *prossimo* date sim che prendete in mano, che non si sa mai!

Patch amatoriale in italiano