Lamplight City
Diamo un'occhiata a questa avventura investigativa

Qualche settimana fa abbiamo visto assieme un po' di Unavowed, la nuova avventura della Wadjet Eye realizzata da Dave Gilbert.
Oggi, invece, diamo un'occhiata al primo capitolo di Lamplight City, l'avventura, ancora in sviluppo, di Francisco Gonzales.

Abbiamo conosciuto Gonzales con A Golden Wake e Shardlight, due giochi con buoni punti forza che però mostravano ancora un po' di immaturità narrativa. Lamplight City è una detective story ambientata in un diciannovesimo secolo versione steampunk: noi interpretiamo il detective Miles Fordham alle prese con vari casi... e con una piccola complicazione personale.

Nelle prime fasi del gioco, infatti, il partner di Miles morirà e, per qualche motivo che dovremo probabilmente scoprire, il suo spirito ci perseguiterà, continuando a parlarci costantemente. Miles spera che, trovando il criminale che ne ha causato la morte, lo spirito trovi la pace e se ne vada – ma non è detto che sarà così.

Nel capitolo che abbiamo avuto modo di provare, dovremo risolvere il primo caso del gioco e abbiamo modo di vedere in azione la particolarità che Gonzales vuole dare a Lamplight City: è possibile toppare clamorosamente le indagini.

Posso dire finalmente? Finalmente! Solo a me sembra una cosa naturale, che in un gioco di investigazione la prova definitiva sia quella di aver risolto o meno il caso?

L'idea di Gonzales è che il gioco si adatti alle scelte che compiamo, giuste o sbagliate che siano, e, nel caso in cui toppiamo troppi casi, ci sarà impossibile sbloccare alcuni eventi importanti e raggiungeremo un bad ending.

Nella pratica, in questo primo caso, ho notato che il focus è posto sulla nostra perseveranza e sulla nostra logica. Non c'è inventario, scelta su cui non mi sento ancora di esprimere un giudizio definitivo ma di cui capisco la logica, nell'ottica del tipo di gioco che vuole essere Lamplight City: la difficoltà non starà nel risolvere enigmi basati sugli oggetti, ma nel mettere insieme gli indizi.
Abbiamo infatti in Casebook che riunisce tutti gli indizi, i sospetti, gli obiettivi e i documenti che salteranno fuori durante le indagini. Fare le connessioni sarà compito nostro e decidere quando è il caso di tirare le somme pure. Vero, ogni tanto i personaggi ci danno un'imbeccata, ma, nella parte che ho potuto provare, succede solo quando noi siamo ampiamente arrivati alle stesse conclusioni.

Inoltre, la risoluzione dei casi non è binaria: o X o Y. Ci sono diversi sospetti, diversi percorsi da seguire e quindi diverse conclusioni a cui giungere (solo una delle quali, ovviamente, è quella giusta). Nel primo caso, ho beccato 3 sospetti e alla fine ho anche avuto una scelta morale da compiere, riguardo il vero colpevole (o la vera colpevole...), che dà un piccolo cambiamento in più.

Insomma, nella teoria l'idea è buona e nel gioco, per adesso, sembra funzionare. Io spero che, nei casi più avanzati, ci saranno dei limiti, per esempio temporali, che pongono una fine alle indagini, così da limitare al minimo le meta-tecniche del tipo “giro e rigiro ogni volta 80 volte così se qualcosa si è sbloccato e non ci ero arrivato lo noto lo stesso”.

Non posso ancora esprimermi sulla storia, naturalmente, o sul writing; e neanche sull'ambientazione (sebbene da diversi dettagli questa mi sia sembrata solida, ma riservo il giudizio finale, per adesso).

Ho apprezzato la trovata di avere il partner di Miles come spiritello invisibile. Quando esamineremo gli oggetti, sarà lo spiritello a fare osservazioni e lo stesso si intrometterà durante i dialoghi con commenti che solo Miles può udire (e a cui ovviamente non può rispondere, altrimenti sembrerebbe un pazzo). È un po' come portarsi in giro due personaggi, ma al “prezzo” di uno solo, e dà una patina di verosimiglianza in più all'abitudine dei personaggi delle avventure di commentare ad alta voce tutto quello che vedono.

Dopo aver provato questa versione, ho buone speranze per Lamplight City. Il gameplay che si prefigge di seguire non è dei più semplici ma è molto interessante, offre molta rigiocabilità e una buona reattività (sulla carta): facciamo gli auguri a Gonzales e speriamo che il gioco finale sia bellissimo!

Parliamone insieme nell'OGI Forum

Lamplight City non sarà pubblicato dalla Wadjet Eye

Francisco Gonzales, autore di A Golden Wake e Shardlight, non è più associato a Wadjet Eye, la software house/publisher di Dave Gilbert.

Anche se è stata da poco annunciata, la "rottura" ha avuto luogo un anno fa, poco dopo la pubblicazione di shardlight. Nel post sul suo blog, Gonzales cita delle motivazioni economiche che hanno spinto la Wadjet Eye a non tenerlo nel team, ma assicura che la separazione è stata amichevole.

Gilbert, prosegue Gonzales, si era offerto di pubblicare ugualmente Lamplight City, il nuovo titolo a cui Gonzales sta lavorando, ma questi ha rifiutato. La causa sarebbero le differenze artistiche fra i due autori, che vogliono spingere il gioco in direzioni diverse.

Gonzales assicura comunque che Lamplight City verrà pubblicato, anche se ancora non si sa con quale publisher.

Ricordiamo che Lamplight City sarà un'avventura grafica investigativa ambientata in una Londra vittoriana dal sapore steampunk. La data di uscita, ovviamente, è al momento sconosciuta.

Pagina ufficiale di Lamplight City

Recensione di A Golden Wake

Recensione di Shardlight

Calavera Cafè 4x04 - Esperienze avventurose

Titolo: 4x04 - Esperienze Avventure
Serie: Calavera Cafè
Durata: 2h 22'
Pubblicato il 9 maggio 2016
Download: CC 4x04


Un Cristiano evidentemente proiettato al futuro scambia la puntata numero 4 con la 5, ma è davvero tutto pronto per un episodio svaccato e con ospiti prestigiosi: tornano i Maccarinelli! Buon ascolto!

PRESENTAZIONE

Chi era il misterioso e altolocato utente che ci ha salutato nell'episodio scorso? Scopriamolo con un racconto avvincente dall'alto tasso etilico.

RUBRICA 'NOTIZIE AVVENTUROSE'

Chiude il forum di Pinkerton Road, il che non lascia ben sperare per le future produzioni della nostra adorata Jane Jensen. E allora Gabriel Knight 4?

RUBRICA 'QUEST'

Discutiamo in lungo e in largo di alcune avventure grafiche che abbiamo provato ultimamente, ma senza dimenticare le STELLINE!

AVVENTURE PIACIUTE

AVVENTURE PIACIUTE MENO

RUBRICA 'MONOLITH BURGER' 

Leggiamo il commento di un nostro utente approfondendo alcuni aspetti dell'episodio 'monkeyislandiano' precedente.

LINK SPECIALI

Shardlight

Nel mondo post-apocalittico di Shardlight, la bomba ha lasciato in eredità, oltre a un bell'accumulo di macerie e una distesa di terre aride, i Polmoni Verdi (Green Lungs, in originale), una malattia che colpisce bene o male tutta la popolazione superstite. Gli unici ad avere il vaccino, vaccino che i malati devono prendere una volta al mese per non morire, sono gli Aristocratici, la nuova classe ricca che domina il popolino dall'alto dei tre Ministeri: quello della Conoscenza, quello della Medicina e quello dell'Energia. Per il popolino, l'unica speranza di ottenere una dose di vaccino è quella di vincere la lotteria, i cui biglietti si ottengono facendo lavori più o meno pericolosi per uno dei tre Ministeri.

Amy Wellard, la nostra protagonista, deve compiere proprio uno di questi lavori, perché ormai sta cominciando a sputare sangue. Il suo compito, affidatole da Tiberio, Ministro dell'Energia, è quello di riparare un reattore guasto in mezzo alle rovine. Ma lei non è la prima a cui era stato affidato questo compito. Vicino al reattore, Amy trova un uomo, rimasto schiacciato da alcuni massi, che le chiede un ultimo favore: portare una lettera a Danton, una sua “amica”.
Purtroppo per Amy, questa lettera è molto più che un saluto all'amata, e la nostra protagonista si troverà presto invischiata in una serie di complotti.

Shardlight è la nuova avventura grafica targata Wadjet Eye. E' scritta e sviluppata da Francisco Gonzalez, che già abbiamo conosciuto con A Golden Wake; ed è illustrata dal bravissimo Ben Chandler, che ormai su OGI nominiamo ogni volta che si tira in ballo la Wadjet Eye (andate a leggere le recensioni di PISS e di Eternally Us, se ancora non sapete cosa sono).
Ricordiamo che A Golden Wake non ci convinse del tutto: primo titolo commerciale di Gonzalez, risultava ancora immaturo sotto molti punti di vista. Com'è andata con Shardlight?
Eh, ve lo dico subito, così così.

Molti dei difetti che erano di A Golden Wake, sono anche di Shardlight. La storia, per esempio, benché sia interessante e presenti personaggi ben caratterizzati, simpatici e a loro volta interessanti, in qualche punto fa storcere il naso. Non posso parlare di veri e propri buchi di trama, ma di soluzioni deboli, stupide o poco verosimili, che sembrano messe lì perché non c'era tempo per pensare di meglio. Faccio un paio di esempi, cercando di limitare gli spoiler.

Ad un certo punto, un gruppo di gente viene uccisa e la loro “casa” distrutta e saccheggiata. Tutto è in pezzi... tranne una grossa lavagna con sopra l'indizio che vi serve per andare avanti (peraltro nascosto dietro un puzzle poco credibile). Che culo.
Oppure, il gruppo di cui sopra viene tutto ucciso... tranne un unico tizio che poi guarda caso vi darà una mano più avanti. Che culo.
Ancora, entriamo in una location e troviamo a terra abbandonato giusto l'oggetto che ci serviva in un'altra location, così, proprio in mezzo alla via. Che culo.

Più grave è quando un gruppo super-segreto che ha a disposizione decine di uomini, invia nella missione più importante di tutte... la tizia che è entrata nel gruppo neanche mezza giornata prima. Perché... in verità non viene spiegato il perché ^^. Qualcosa mi dice che questo gruppo ha bisogno del manuale “Spionaggio e sedizione per dummies: come non consegnarsi al nemico con le braghe calate”.
Insomma, in vari punti si storce il naso e bisogna far finta di niente e andare avanti.

In generale, la storia è lineare e può essere modificata in maniera netta solo con l'ultimissima scelta nel finale. Ma qua e là Amy può esprimere il suo parere sugli eventi e sulle fazioni della città, quindi sarebbe ovvio che possa, ad un certo punto, fare delle cose che il gioco non vi permette di fare. Anche questa non è una grande pecca, ma fa sentire “chiusi” in un mondo finto, quando sarebbe bastato poco per eliminare questa sensazione e far comunque percorrere alla storia i suoi binari predefiniti.

Personaggi e ambientazione sono, invece, abbastanza buoni. L'ambientazione, in particolare, è secondo me ben riuscita e affascinante. Oltre alle shards, i pezzetti di vetro “radioattivo” usati come fonte di luce, che danno al mondo post-apocalittico di Shardlight una “tinta” diversa rispetto al classico clone di Fallout, ci sono altri particolari che concorrono a rendere l'ambientazione il meno banale possibile. Dall'uso di costumi ispirati alla rivoluzione francese per l'Aristocrazia (che però adotta nomi romani, come Tiberio, appunto), passando per il design delle location per arrivare al culto del Reaper (Il Tristo Mietitore), venerato in una chiesa da cui sbuca mezzo aereo, si vede lo sforzo per fare qualcosa che colpisca e resti impresso, e secondo me il team di Gonzalez ci è riuscito.

Molte scene, prese singolarmente, mi sono piaciute. Voglio menzionarne giusto una, perché ero sicura che l'avrebbero sbagliata. Ad un certo punto, Amy deve sbrigarsi a salvare un altro personaggio (ovviamente, non un *cane* le darà una mano, nonostante fino a quel momento ci saremmo fatte il mazzo per tutti!) correndo di location in location. Ero sicura che ci sarebbe stato qualcosa da esaminare e raccogliere, ma i miei tentativi sono stati bloccati con un “Non ho tempo per questo, devo salvare Tizio!”. Mi è piaciuto il senso di urgenza generato dalla sequenza, pezzo dove molti giochi, anche alcuni action, toppano clamorosamente.

I personaggi principali sono anch'essi memorabili, a partire da Tiberio (anche grazie al doppiaggio dell'ormai “famoso” Abe Goldfarb, perfetto per questo tipo di personaggi). Amy è molto più “normale”, ma è ugualmente un personaggio simpatico e ho apprezzato che sia stato fatto il tentativo di avvicinarci al suo lato più umano, mostrandoci la sua casa e i suoi desideri personali, oltre ai suoi scopi nella “grande missione”.
Alcuni personaggi secondari restano meno impressi, o sono sviluppati un po' troppo velocemente, come il capo del culto del Reaper, capace di cambiare filosofia di vita dopo due parole in croce di Amy. Ma, nel complesso, sono rimasta soddisfatta.

Per quel che riguarda il comparto enigmi, da un certo punto di vista abbiamo fatto un passetto indietro rispetto a A Golden Wake. Mentre lì si potevano scegliere diversi approcci per risolvere gli scenari proposti, qui la soluzione è quasi sempre una e una sola. Da un altro punto di vista, enigma della lavagna a parte, non abbiamo più davanti roba presa dalla settimana enigmistica. C'è un tentativo di introdurre un elemento diverso dando a Amy una balestra, che può usare per sparare a cose e persone (purtroppo non potrete ammazzare gente random, sigh), ma il risultato è più semplice di quel che non sembri (peraltro vorrei capire come mai a volte lei recupera il dardo, a volte no. Misteri della Convenienza della Trama, credo). Ho trovato gli enigmi bene o male logici e non difficilissimi: sono rimasta bloccata due volte, una a causa di una mia stupidità (non avevo esaminato bene lo scenario), l'altra a causa di un bug che al momento in cui scrivo è già stato corretto.

Ho apprezzato quello che nel commentary viene definito “l'enigma più difficile del gioco”, che... non vi dico in che cosa consiste! Ma è stato carino, anche se non l'avrei definito “difficile”. Usa una meccanica poco sfruttata nelle avventure grafiche, quindi lode all'inventiva degli sviluppatori. Nel complesso direi che siamo un gradino sotto Technobabylon, con qualche sezione un po' trioppo ripetitiva.

Dal punto di vista grafico, vorrei non potermi lamentare, ma un pochino devo. Ben Chandler è bravissimo e un maestro dei colori per quel che mi riguarda. Mi piacciono moltissimo i suoi sfondi e in generale ogni “disegno” pixelloso che realizza. Ma sul mio monitor il tutto è davvero un po' troppo sgranato e non sono riuscita a ridurre il gioco in finestra decentemente o ad alzare la risoluzione (non mi pare proprio che ci sia l'opzione nel menu). Ok, dopo un'oretta di gioco mi sono abituata, ma secondo me servirebbe comunque una risoluzione un pochino maggiore.

Pollice su per le animazioni, specialmente quelle sanguinose su cui Chandler si è divertito come un bambino di 5 anni (infatti abbondano, è da morire quando ne parla nel commentary del gioco).

Le musiche restano forse meno impresse di quelle di A Golden Wake, ma mi sono piaciute e le ho trovate adatte all'ambientazione. Ogni personaggio ha un suo theme, cosa che ha dato più personalità a molte scene.

Come in ogni gioco Wadjet Eye che si rispetti, è presente un commentary del gioco, attivabile in qualsiasi momento (e che contiene spoilers, quindi magari vorrete attivarlo dopo aver completato il gioco la prima volta) e una sezione bonus, che si sblocca al primo finale raggiunto. Questa sezione contiene dei bloopers e degli sketch di ambientazione e personaggi.

Nel complesso, non posso promuovere con lode questo Shardlight, anche se non è una brutta avventura. Avrebbe necessitato di un po' di tempo in più sotto produzione, per migliorari pezzi di trama da film di serie B e per dare un po' di varietà agli engimi.

Sei bloccato? Consulta la nostra soluzione!

Shardlight - Soluzione

Tunnel del Reattore

Siete sottoterra. Raggiungete l'ultima stanza, dove troverete un uomo a terra, sotto dei detriti. Parlateci di tutto.

Osservate il reattore e cercate di usarlo. Parlate di nuovo all'uomo, promettete di aiutarlo e prendete la balestra che vi darà. Osservate lo scheletro vicino alla polla d'acqua e prendete il dardo conficcato nel suo cranio.

Tornate nella prima stanza. Sparate alla lampada in alto (per sparare alle cose, usate la balestra sugli oggetti/persone). Prendete la candela e il dardo.

Osservate in giro, c'è un interruttore per la ventola. Settatela al massimo e poi sciacciate l'interruttore sottostante (deve stare su “exhaust”).

Andate nella stanza intermedia, dove il soffitto è crollato, e tirate la cordicella. Prendete il pezzo di carta e tornate nella prima stanza. Usate la carta con la placca di metallo sulla parete e usateci sopra la candela, strofinandola sulla carta finché non riuscirete a leggere il codice.

Tornate al reattore, usatelo e inserite il codice. Parlate all'uomo e fate come vi chiede.

Una volta uscite, prendete un pezzo di legno che si trova lì a terra. E uscite dall'area.

 

Ministero dell'Energia

Qui il percorso è abbastanza lineare: seguite le istruzioni dei vari personaggi, cominciando dalle guardie nell'entrata del ministero. Parlate con Tiberio, poi uscite dal ministero, otterrete 2 dardi e un biglietto della lotteria.
Recatevi al mercato.

 

Mercato (est o ovest, è lo stesso).

Parlate a tutti. In particolare:

- Recatevi nel vicolo, parlate con Clem di tutto e mostrategli la lettera. Osservate la porta e la lavagnetta. Uscite dal vicolo e dirigetevi al pozzo. Parlate con Nelson di tutto e chiedetegli un libro sulla calligrafia. Leggetelo.

- Tornate al mercato, parlate a Denby e ditegli di disegnare Tiberio. Poi sparate alla campanella in alto e quando Denby fuggirà, raccogliete il gesso.

- Tornate nel vicolo di Clem e disegnate sulla lavagnetta, col gesso, l'ultimo simbolo del libro, seguendo le istruzioni lì presenti. Poi bussate alla porta 5 volte e premete il campanello 4 volte.

A questo punto, entrate nel covo e parlate con la guardia. Datele la lettera per Danton.

Uscite e tornate da Tiberio.

 

Ministero dell'Energia

Parlate a Tiberio e accettate di spiare i ribelli per lui. Uscite dal Ministero dell'Energia e tornate al covo.

 

Mercato

Parlate con Danton, rispondete come volete alla sua domanda e accettate di aiutare i ribelli per lei.

Uscite nel mercato e parlate con i vostri amici, Gordon e Angus. Usate la parola d'ordine (perfect life). Vi diranno cosa c'è che non va.

Parlate anche a Marichka. Ora vi toccherà fare un po' di avanti e indietro.

Andate alla fattoria del padre di Gordon, parlategli di tutto, prendete la maschera dallo spaventapasseri.

Tornate al mercato, parlate con Gus e scambiate la maschera per una pistola. Parlate con Marichka delle piante. Andate al pozzo e chiedete un libro scientifico. Leggete la parte sui filtri.

Andate a casa di Amy, rompete la cabina telefonica con il legno e prendete la piantina. Entrate in casa e prendete il secchio. Mettete il legno nel secchio.

Tornate alla fattoria e date al vecchio la piantina trovata nella cabina telefonica.

Andate adesso alle pianure di sale (salt flats) e prendete del sale (dovete andare a sinistra per trovare il luogo da cui prenderlo). Usatelo col secchio + legno. Recatevi adesso alla Fabbrica Centrex (qua potete trovare altro legno se dovesse servirvi), entrate nell'edificio e parlate a Danby. Mettete il secchio con il legno e il sale sopra la fornace. Girate la ventola del gas e usate la pistola sulla fornace per accenderla. Spegnete il hgas (girando la ventola) e prendete il secchio col carbone dalla fornace.

Tornate al mercato e date il carbone e Gus. Parlate anche a Gordon per chiedergli come va la fattoria del padre.

Tornate da Danton a questo punto, parlatele di tutto e accettate il prossimo compito. Recatevi a Fripp Square.

 

Fripp Square

Parlate con tutto di tutto. Osservate i corvi sparsi per la mappa. Recatevi al Ministero della Medicina.

 

Ministero della Medicina

Parlate con la guardia di tutto. Sparate alla statua in alto e aspettate che la guardia vada a investigare. Entrate nella sua cabina e strappate la pagina con la prenotazione del nobile che vi interessa.

 

Mercato

Fate una capatina da Marichka e chiedetele cibo per corvi.

 

Fripp Square

Date al giornalista la pagina che avete strappato. Date il cibo per corvi al vecchietto e fategli notare che ce n'è uno che non mangia. Aspettate che il cestino cada, poi andate a raccoglierlo. Scoprirete l'indirizzo del nobile.

 

Harrison Manor

Fate il giro della casa. Ignorate le finestre della cucina e cercate invece quelle della camera da letto. Osservatene una e usatela per spiare la visita del medico. Tornate sul davanti della casa, vedrete il medico andare via.

Tornate sul retro e entrate nella cucina. Osservate tutto. Prendete il mestolo in alto, aprite la finestra che dà sul fronte della casa e usate il mestolo sulla campanella.

Uscite dalla cucina e spiate di nuovo nella camera da letto finché il vecchio non si sarà addormentato. Aprite a quel punto la finestra ed entrate nella stanza per prendere il biglietto per l'appuntamento.

Uscite e andate da Denby

 

Fabbrica Centrex

Chiedete a Denby di falsificare il biglietto per voi e dategli quello che avete rubato.

 

Ministero della Medicina

Mostrate il biglietto falso alla guardia e entrate.

Parlate di tutto col receptionist. Parlategli ancora e chiedetegli dove ottenere dei vestiti decenti.

Cliccate sul computerino attaccato al muro e chiedetegli direzioni per tutti i posti che vi vengono in mente. Scoprirete che serve una password per arrivare nella stanza che vi interessa.

Andate nella stanza degli spogliatoi. Osservate tutto. Prendete lo straccio e le due boccette sul carrello. Frugate nella borsa. Osservate l'armadietto aperto, Amy scoprirà come aprire gli altri.

Usate il biglietto sugli altri armadietti ed esaminateli tutti finché non troverete dei vestiti. Usate il bagno per cambiarvi.

Andate nella stanza del dottore. Sarete nella sala d'aspetto. Prendete una brochure. Bussate alla finestrina e date il biglietto alla dottoressa. A questo punto, sedetevi e aspettate.

Quando sarete chiamate, esaminate tutta la stanza del dottore, sopratutto la scrivania con il blocchetto per gli appunti.

Fatevi visitare, uscite, e bussate di nuovo alla finestrella per fissare il seguente appuntamento. Osservate gli appuntamenti già presi per scoprire la password.

Parlate con il computerino e Amy dirà la password per accedere al Central Storage. Dirigetevici.

 

Central Storage

Osservate l'allarme e il computerino sottostante. Usate lo straccio sull'allarme. Prendete il taglierino a sinistra e tagliate il filo che conduce dall'allarme al resto dell'edificio.

Mettete nel secchio la brochure e il cleaner (quello che dice “infiammabile” nella descrizione). Piazzate il secchio sotto l'allarme, per terra, e accendetelo con la pistola.

Usate il computerino e attivate la procedura d'emergenza.

 

Prigione

Osservate e toccate tutto quello che è nella cella. Troverete una siringa nel cumulo di rifiuti.

Osservate, nell'inventario, la “cimice” di Tiberio, ruotatela fino a trovare un piccolo buco. Usate la siringa con il buco.

Usate il cavo del pannello alla parete. Usate lo scarico in mezzo alla stanza (drain) finché non si apre e poi velocemente usate il cavo con lo scarico. Avete disattivato la rete elettrificata alla finestra. Parlate col corvo e uscite sul tetto.

Parlate col corvo e cliccate sulla guardia. Il corvo andrà a disturbarla e la guardia farà cadere una cosa luccicante. Usate il corvo per raccoglierla e poi esaminatela: è una moneta.

Osservate tutto sul tetto. Usate la moneta per schiodare le viti, poi usate la spia di Tiberio sugli altoparlanti.

Quando la guardia sarà sotto di voi, uccidetela spingendo l'unità di aria condizionata che avete svitato.

A quel punto scendete e uscite dall'area.

 

Mercato

Correte nel vicolo, parlate con Clem. Frugate tra i cocci di vetro del vaso appena caduto e raccogliete la nota.

Entrate nel covo, parlate con Denby che vi darà una balestra. Chiedetegli tutto e dategli il biglietto della lotteria. Otterrete 8 pezzi di spago.

Osservate la lavagna: dovete connettere i vari piolini seguendo lo schema di lettere trovato sulla nota nel vaso rotto. Alla fine, dovreste ottenere, sulla lavagna, la parola MILTON.

Raccogliete il cappio da terra e uscite.

 

Tunnel del Reattore

Parlate a Danton di tutto per due volte, specialmente della lotteria.

Recatevi alla piazza.

 

Willowdale Plaza

Seguite la guardia, poi usate il cappio con la balestra e sparate al ramo dell'albero. Arrampicatevi.

A questo punto avete una scelta. Potete:

- Aspettare

- Uccidere le guardie

- Uccidere Denby

Alla fine tornerete fuori e una guardia vi attaccherà. Difendetevi con la siringa.

 

Fattoria

Parlate di tutto con Gus e Pop, due volte. Rispondete come volete alle domande.

 

Mercato

Parlate con il cultista di tutto e ditegli che siete pronte a morire.

 

Cattedrale

Parlate a Claire e ditele che siete pronte a morire.

Dentro, parlate di tutto con tutti, sopratutto con Jess. Chiedetele di come trovare il Reaper.

Andate a destra, usate il relitto dell'aereo e otterrete un pezzo di shrapnel.

Andate poi a sinistra, nella stanza indicata da Jess. Sotto la panchina c'è una boccetta, bevetela.


Sogno

Seguite Clem fino a trovarvi davanti a Denby, la guardia e vostro padre. Cliccate sulla guardia. Parlategli, poi cliccate sulla siringa e poi sul Reaper.

Cliccate su Denby, parlategli, poi osservate e toccate i corvi.

Cliccate su vostro padre, parlategli, usate la macchina, il ventilatore, la macchina, la pompa e poi di nuovo la macchina.

 

Cattedrale

Prendete la nota che vi porge il corvo.

Tornate dentro e mostratelo a Jess.

 

Sector 67

Esaminate il fonografo e prendete il braccio.

A destra c'è un dipinto. Osservatelo, osservate gli occhi. Usate lo shrapnel con gli occhi. Raccogliete il gettone e la chiave.

 

Pianure di Sale

Usate la chiave con la porta del treno. Entrate e arrivate nell'ultimo vagone. Osservate tutto, specialmente il diagramma sulla parete. Tornate nel primo vagone, cliccate sui controlli del treno e cliccate sui bottoni 2, 5 e 1. Non hanno numeri sopra, dovete contarli. Poi usate la leva.

Andate nel vagone centrale, la botola si sarà aperta. Cliccateci, uscirà una vecchia. Parlatele di tutto, specialmente del giradischi. Seguitela nell'ultimo vagone, riparate il giradischi con il braccio trovato nell'altra location. Parlatele di nuovo e mostratele il gettone.

 

Wally

Andate da Wally. Con la balestra fate cadere la L dell'insegna. Potete entrare nella stazione, prendete la corda e usate la L sul fiume per attraversarlo. Per aprire la porta, dovrete usare il gettone.

Salite, tagliate la corda con lo shrapnel. Tornate giù e prendete i guanti dal manichino.

Tornate su, prendete la mazza da baseball e rompete la teca con dentro l'ancora. Combinatela con la corda. Usate lo sharpnel sul frigorifero e otterrete un fusibile.

Osservate i comandi dell'ascensore. Usateci lo sharpnel, poi il fusibile. Arrampicatevi. Usate l'ancora+corda con la trave e arrampicatevi ancora.

 

Covo del Reaper

Osservate tutto. Parlate di tutto al Reaper, più volte. Recatevi poi alla zona in quarantena, parlate con la tipa davanti al carrello, che non vi lascerà passare.

Allontanatevi e parlate con il Reaper tramite walkie-talkie.

 

Sector 67

Osservate il cadavere a terra. Chiamate il Reaper. Prendete il braccio e usateci i guanti. Tornate dalla tizia davanti al carrello e mostratele il braccio.

Quarantena

Che bello essere spogliati di tutto!

Entrate nel negozio a destra. Frugate negli scaffali fino a trovare i servo. Parlate di tutto a Gordon e uscite. Dirigetevi al supermercato, parlate con Rita di una via d'uscita.

Uscite e andate a sinistra, fino a trovare il condotto in cui gettano i cadaveri. Tornate da Gordon e parlategli di tutto.

Tornate da Rita, nel supermercato, troverete la sorella in procinto di partorire.

Prendete il bollitore, tornate nell'entrata del supermercato, usate il bollitore con le bottiglie d'acqua sugli scaffali. Uscite e andare al falò nella prima area della zona di quarantena. Usate il bollitore con il falò. Riportate il bollitore a Rita.

Tornate al condotto per i cadaveri, usate la balestra sul pulsante in alto. Aprite la porta e calatevi.

Con la balestra, toccate il cadavere penzolante. Prendete la corda, unitela alla balestra e sparate dall'altra parte del baratro, per creare un ponte.

Provate a spostare i detriti e chiedete aiuto a Gordon. Frugate nel piccolo cunicolo in basso, troverete una sbarra di metallo. Proseguite e usate la sbarra con i detriti due volte.

 

Tunnel del reattore

Parlate con Danton di tutto, più volte se necessario (esaurite gli argomenti).

 

Cattedrale

Parlate a Jess e chiedetele di aiutarvi. Tornate dal Reaper e chiedetegli di venire con voi. Tornate alla Cattedrale e seguite la scena.

 

Pianure di Sale

Parlate alla vecchia per chiederle aiuto.

Tunnel del Reattore

Parlate a Danton di tutto.

 

Sequenza finale

Sparate al pulasante che apre la botola e salite. Andate all'ascensore. Sparate alla guardia e salite nell'ascensore.

Frugate la libreria. Tornate nell'ascensore.

Usate la barra di metallo con la botolina in alto. Seguite Danton. Sparate alla corda del lampadario.

SE VOLETE VEDERE TUTTI I FINALI, SALVATE ADESSO.

Resettate l'ascensore con il pannello nel muro e tornateci dentro.

Scegliete se uccidere o meno il veggente (non cambia nulla).

Parlate con Tiberio. Fate la scelta che cambierà il finale.

Shardlight entra in pre-order

E' dispobile per chi lo desidera il pre-order di Shardlight, prossima avventura post apocalittica targata Wadjet Eye.

Scritta da Francisco Gonzales e illustrata da Ben Chandler, Shardlight ci mette nei panni di Amy Wellard, una ragazza che lotta per vivere nel mondo di stenti e malattia creato dalle bombe. E' proprio la malattia a spingerla a fare qualche lavoretto per gli Aristocratici, gli unici ad avere accesso al prezioso vaccino.

Shardlight è in pre-order su GOG e Humblestore, e sarà rilasciato l'8 Marzo.