Teniamolo d'occhio: Prison Architect

Tra i primi giochi che suggerivo di "tenere d'occhio" c'era Subversion, interessante titolo della Introversion che metteva il giocatore nei panni di una squadra di specialisti dello spionaggio (e affini) alle prese con missioni generate più o meno casualmente in una città creata in maniera procedurale. Purtroppo il progetto doveva essere troppo ambizioso, visto che un paio di mesi fa è stato sospeso a tempo indeterminato.

Fortunatamente Introversion ha subito cercare di colmare il vuoto così creato e dopo un'illuminante visita alla prigione di Alcatraz, il team ha annunciato Prison Architect, un insolito gestionale ambientato in una prigione. A prima vista può sembrare un'ambientazione un po' chiusa e monotona, ma le cose da fare non mancano: decidere i turni di guardia, progettare le nuove celle e i sistemi di sicurezza, gesitire le esecuzioni, evitare rivolte e tentativi di fuga e la lista (che forse sto inventando) potrebbe continuare.
In netto contrasto con il tema piuttosto cupo è lo stile grafico in stile fumetto con colori molto accesi, anche se non è detto che questo sia lo stile definitivo.

Il gioco è atteso, ma non previsto, per quest'anno.

Invia nuovo commento
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
      _   _      ___    ____  
__| | | |_ / _ \ | ___|
/ _` | | __| | (_) | |___ \
| (_| | | |_ \__, | ___) |
\__,_| \__| /_/ |____/
Enter the code depicted in ASCII art style.