Detention

Siamo a Taiwan, negli anni '60. Un ragazzo, Wei, si addormenta durante la lezione e si sveglia che ormai è sera: sembra esserci un tifone in arrivo e lui è l'unico rimasto a scuola; l'unico, a parte una ragazza, Fang. I due cercheranno di scappare, ma il vento infuria, il ponte è crollato e il fiume scorre rosso come il sangue.
Sì, ho giocato un gioco horror, e infatti me ne sono amaramente pentita!

Detention, dei Red Candle Games, è un'avventura horror (appunto) che esplora, attraverso la tragedia di una ragazzina dell'epoca, il Terrore Bianco di Taiwan e la mitologia di questo paese.

Non voglio dirvi molto della storia, perché, come in tutti i titoli di questo genere, va scoperta gradualmente, da indizi e da pezzi di dialoghi sparsi nel gioco. Da un lato è molto classica, ma è fatta in modo tale da non risultare stantia, anche grazie al setting (Taiwan negli anni '60), che non compare spesso nei videogiochi. Offre due finali e, va detto, benché possa sembrare criptica, in realtà è comprensibilissima per chi raggiunge il Good Ending (il Bad Ending lascia diverse cose in sospeso). Niente frasi misteriose che possono significare tutto e niente, insomma, anzi: le rivelazioni sono ben dosate, si capisce molto anche dal non detto e i dettagli rivelatori sono, a volte, magistrali.

L'atmosfera, da sola, meriterebbe 10 e lode. Realizzata in massima parte con giochi di luce e un ventaglio di effetti sonori inquietantissimi, è opprimente e carica di ansia anche quando in effetti non sta succedendo nulla di terribile a schermo. Nei primi capitoli dovremo evitare degli spiriti: quelle sono le parti “peggiori”, nel senso di più paurose, ma il senso di angoscia è costante fino alla fine. Inutile dire che, per me, Detention è stata terrificante ^^, e ho dovuto giocarla di giorno, con il sole fuori dalla finestra...

Il gameplay consiste nella ricerca di oggetti e nella risoluzione di enigmi, il tutto, nei primi capitoli, evitando gli spiriti che infestano la scuola. Gli enigmi non sono molto complessi, in generale, ma anche i più semplici riescono a non essere banali, perché sono collegati molto strettamente alla storia della nostra protagonista e al background religioso/mitologico di Taiwan. Non ricordo un singolo puzzle, nel gioco, che sia stato messo lì come mero riempitivo. Ogni location che andremo a visitare – e sono più varie di quanto non sembri nella prima mezz'ora di gioco – è una location che ha significato qualcosa per Fang; ogni oggetto che dovremo trovare o utilizzare è un oggetto che simboleggia qualcosa per la protagonista.

Per molti versi, Detention mi ha ricordato The Cat Lady. Entrambi sono giochi “a scorrimento”, lo stile grafico è simile, anche il tipo di puzzle è simile (qui sono più complessi che in The Cat Lady) e il risultato è, anche questo, molto simile: sembra di stare dentro un sogno, o forse un incubo, in cui noi, assieme alla protagonista, rielaboriamo ciò che è accaduto, per dargli un senso e per riuscire ad accettarlo.

Visto che abbiamo nominato l'aspetto grafico, parliamone. Come dicevo, lo stile un po' “sporco” del disegno, la palette in generale molto scura, con forti punti di colore (specialmente il rosso) e anche le animazioni, ricordano The Cat Lady. Le animazioni e gli “effetti speciali” meritano uno speciale plauso perché sono davvero ben fatti ed efficaci: lo spirito con la lanterna, per esempio, è animato meravigliosamente, ma anche l'effetto della mancanza d'aria quando si trattiene il respiro, i diversi giochi di luci e ombre... è tutto veramente ben fatto.

Ho già detto degli effetti sonori; anche la OST, pochissimo invadente, è ottima. In generale, dal punto di vista sonoro il gioco è anche meglio che da quello grafico, tanto che, per le pavide come me, già sentire l'audio del gioco è sufficiente per mettersi ansia ^^.

Non ho riscontrato bug di sorta. Il gioco è in Inglese (e, penso, il tipo di cinese parlato a Taiwan). Si tratta di un inglese abbastanza semplice, ma va detto che alcune frasi (poche) non aspettano il click del giocatore per scomparire dallo schermo. È disponibile una traduzione in italiano, a opera di Vecna, la cui ultima versione, però, non traduce la grafica del gioco, ma solo i testi dei dialoghi.

Avrete ormai capito che Detention è promosso con lode. È un'avventura horror riuscitissima, racconta la sua storia con grazia (orrorifica) e riesce a mostrare uno spaccato della politica e del passato di Taiwan (peraltro neanche tanto passato) senza che questo tema soffochi il gioco ma, anzi, facendo sì che lo arricchisca e lo pervada con naturalezza. Consigliato – anche a chi non gioca gli horror!

Invia nuovo commento
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
        _   _            
____ | | | | __ __ _
|_ / | | | |/ / / _` |
/ / | | | < | (_| |
/___| |_| |_|\_\ \__, |
|___/
Enter the code depicted in ASCII art style.