The Thin Silence

L'incipit di The Thin Silence ci vede caduti nel fondo di un abisso. Siamo fermi lì da un sacco di tempo e non sembra importarci molto di alzarci. Ma, alla fine, lo facciamo lo stesso, dobbiamo raggiungere la superficie... se solo le nostre allucinazioni e i nostri ricordi ci lasciassero in pace!

The Thin Silence è un puzzle leggermente platformer sviluppato dalla TwoPM Studios (che a quanto pare è l'orario in cui i membri del team lavorano sui loro giochi... per me è l'orario perfetto per alzarsi). È un gioco che cerca di raccontare una storia di depressione e di dubbi del protagonista su se stesso e sulle proprie azioni. Gli sviluppatori tengono tanto alla cosa che hanno deciso di devolvere parte del ricavato di ogni vendita del gioco a CheckPoint, un'associazione che si occupa di malattie mentali.
Ma, al di là di tutte le belle intenzioni, il gioco com'è? Vediamolo assieme.

In The Thin Silence dovremo muoverci per le mappe e cercare di raggiungerne l'uscita. Per farlo, dovremo risolvere piccoli puzzle ambientali sparsi qua e là e occasionalmente qualche indovinello o qualche puzzle “da settimana enigmistica”.

Questi ultimi sono facili e in parte random (nel senso che se avete già giocato non potete usare la stessa soluzione, perché sarà stato generato un nuovo enigma casualmente): si tratta di creare sequenze di numeri oppure di individuare una parola in mezzo a un quadrato di lettere, una specie di crucipuzzle, insomma.

I puzzle ambientali sono più vari e costringono a ragionare di più, anche se non diventano mai vere e proprie sfide. La cosa carina è che per risolverli bisogna trovare e combinare assieme degli oggetti. Ad esempio, una corda + un uncino formano un rampino con il quale è possibile agganciare casse e tirarcele addosso o superare baratri. Stivali + Uncino = stivali per arrampicarsi. E così via. È carino trovare tutte le combinazioni possibili e ragionare su cosa può essere utile in una data situazione.

Purtroppo, il gioco è molto lineare e ripetitivo, quindi dopo un po' la cosa viene a noia. Nei livelli più avanzati, è possibile esplorare aree diverse nell'ordine che preferiamo, e i puzzle diventano più complessi (o più dispersivi, nel senso che bisogna prima risolvere quello dell'area X per poter terminare con successo quello nell'area Z, o così mi è sembrato), però a quel punto il gioco ha già dato quel che aveva da offrire. Serviva un po' di varietà in più oppure un gioco più corto (già dura sulle 5-6 orette).

In verità, forse la cosa peserebbe meno se non fosse che il personaggio cammina *molto lentamente* e non c'è il tasto sprint. È una cosa voluta (come vedremo tra poco), ma... che palle! Dover camminare lentamente per 1 minuto buono solo perché abbiamo sbagliato a risolvere un puzzle è noioso; magari rifare il puzzle non ci seccherebbe, sono i tempi morti che tolgono più di quanto non aggiungano.

La storia di Thin Silence è duplice e viene svelata man a mano che andiamo avanti, da documenti trovati in giro, registrazioni militari e ricordi e allucinazioni del protagonista, Ezra. È duplice perché da un lato racconta la storia travagliata del paese di Ezra, diviso da quella che pare una guerra civile (o qualcosa del genere: c'è un gruppo di ribelli che si oppone al governo), dall'altro racconta la storia di Ezra stesso, il cui ruolo si comprende fino in fondo solo alla fine.

Il sistema funziona così così. La storia del paese è un po' troppo generica all'inizio, poi all'improvviso troppo specifica; seguiamo la storia di singoli personaggi che era meglio seguire fin dall'inizio. E nello stesso tempo la storia di Ezra a tratti sparisce per poi riaffiorare alla fine.

Il risultato è una storia che in realtà non prende davvero, ma che ha una bella atmosfera, dove con “bella” intendo “opprimente”.

Molti degli elementi del gioco, dagli ambienti, agli effetti sonori, dalla lentezza del protagonista, allo stile grafico, sono realizzati per enfatizzare il senso di depressione di Ezra, il suo essere insicuro delle sue decisioni e intrappolato fra due scelte egualmente sbagliate. L'abisso dal quale cerchiamo di risalire, i colori un po' sbiaditi, le interazioni minimali con i pochi pg che incontreremo, tutto lascia capire lo stato d'animo del protagonista. Kudos alla TwoPM per questo aspetto del gioco. Credo che avrebbero fatto meglio a concentrarsi su questo al 100%, lasciando la questione della nazione sullo sfondo.

Avrete capito che grafica e sonoro sono ben fatti e ben supportano il gioco. Il problema, dal punto di vista tecnico, sono i comandi. Capisco che siano basati su un pad, ma perché non è possibile cambiarli? Quelli di default sono strani: A per compiere le azioni, Q e E per muoversi nei menu, INVIO per aprire lo stesso... roba assolutamente controintuitiva che fa perdere tanto tempo quando si vorrebbe solo cambiare oggetto nell'inventario.
Il gioco è solo in inglese. Si tratta di un inglese di media difficoltà. Per chi non lo capisce bene, il problema può sorgere durante alcuni dialoghi, che magari sono troppo veloci (e non è possibile fermarli fino al click).

Consiglio The Thin Silent? Sì, se piace il genere e il gioco è in sconto. È un po' troppo oberato dalla lentezza e dalla ripetitività degli scenari, in sé anche troppo semplici, per far arrivare alla fine senza annoiare un pochino. Ma a chi bastano le atmosfere di un gioco, The Thin Silence potrebbe regalare qualche ora piacevole.

Invia nuovo commento
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
           ___               
__ __ / _ \ __ __ ___
\ \ / / | (_) | \ \/ / / __|
\ V / \__, | > < \__ \
\_/ /_/ /_/\_\ |___/
Enter the code depicted in ASCII art style.