Waking Mars è un videogioco uscito per iPad nel 2012 e realizzato da Tiger Style. Si tratta di una derivazione del classico stile metroid-vania, un videogioco dove manovreremo un astronauta all'interno di alcune caverne marziane, nel tentativo di salvarsi la vita e fuggire da lì. Per farlo dovremo riattivare l'ecosistema preistorico di quelle caverne, un gioco di equilibrio tra la nascita e crescita delle piante e il risveglio di animali che da esse traggono nutrimento e morendo le alimentano divenendo concime.

Il nostro protagonista, come dicevo prima, fa parte di un team di due persone sbarcato su Marte per effetturare indagini scientifiche, e a seguito di un incidente resta bloccato nelle caverne marziane.
Ogni sezione della caverna, tranne i punti di collegamento tra una sezione e l'altra, è un mini-habitat che risponderà a regole differenti da quello precedente, e il nostro protagonista, muovendosi nello spazio grazie a un jet-pack, dovrà creare determinate condizioni ambientali per sbloccare l'accesso alla sezione successiva.

Saremo sempre in contatto con la nostra partner, rimasta alla base, che commenterà le nostre azioni e gli eventi a cui assisteremo, creando una sorta di storia di fondo molto carina.
Ogni scoperta scientifica, ogni pianta che risveglieremo o animale, compariranno nel nostro "diario" sottoforma di scheda che ce ne spiega il comportamento, la morfologia, gli utilizzi e ne fa approfondita analisi. Anche le nostre "armi" vanno via via migliorando.

Ho messo tra virgolette perché in questo gioco non ci sono nemici da abbattere e non si spara un colpo, però mano mano che proseguiamo, il nostro personaggio acquisirà nuove skill e capacità sfruttando ciò che ha appena appreso.
Dicevo che per completare una stanza bisogna ricreare delle condizioni ben determinate, per farlo alle volte basta raggiungere un 80% o anche meno di perfezione del mini-ecosistema, ma se portiamo al 100% tutti i mini-ecosistemi assisteremo ad un finale segreto. Quindi è presente anche un buon backtracking ben studiato e mai noioso.

Il comparto grafico è molto carino e ben dettagliato e devo fare i complimenti al team di sviluppo per aver creato un porting tecnicamente così ben riuscito da iPad a Pc.
I controlli sono perfetti, anche se l'utilizzo di un gamepad è una condizione essenziale per godersi appieno il gioco. L'unica pecca si nota nell'interfaccia di opzioni e "diario", dove la struttura tradisce l'origine touch del gioco.
Musiche interessanti, storia carina, puzzle affascinanti, lo consiglio a tutti a patto che accettiate di non sparare nemmeno un colpo. Spesso viene venduto su GOG a prezzi bassissimi o su Steam ai saldi.

Ricordate però che il gioco non è disponibile in italiano, quindi per capire appieno la mini-storia di fondo dovrete conoscere un pochino la lingua inglese.