X-Files

Negli anni '90 un telefilm spopolava in TV, sia in Usa che in Italia, e questo telefilm era X-Files! I protagonisti principali erano due, un uomo e una donna, entrambi agenti dell'Fbi: Fox Mulder e Dana Scully. Fox era deriso dai colleghi per la sua convinzione che gli ufo esistessero sul serio e veniva considerato dai suoi capi come una specie di mina vagante per via della sua continua ossessione su un complotto mondiale da parte del governo americano, a suo modo di vedere a conoscenza dell'esistenza degli ufo ma che deliberatamente ne teneva nascosta la notizia alla popolazione.

Per questo ad un certo punto gli viene affiancata una giovane collega, Dana appunto, la quale inizialmente doveva collaborare con Mulder, più che altro per poter fare rapporto di quel che combinava ai suoi capi.

Di puntata in puntata, i due risolvevano (a volte anche no..) casi molto fuori dal comune, occupandosi di fenomeni paranormali e fatti in generale dalla discutibile spiegazione scientifica! Pur rimanendo sempre scettica sulle convinzioni del suo collega, Dana pian piano cambia però la sua visione delle cose, arrivando addirittura a rischiare il suo posto d agente governativo in favore del giusto appoggio che Mulder meritava.

Man mano nacque poi pure del tenero tra loro due, anche se non si andò mai al di là di qualche tenero bacio ogni milionata di puntate. Dopo qualche anno la serie poi finì, con gran rammarico di chi la seguiva (come il sottoscritto) e conseguente congelamento di teorie su alieni e complotti; sono usciti anche due/tre film su X-Files che vi consiglio di vedere per farvi un'idea sulla bellezza della serie.

Adesso passiamo però al gioco: uscito nel 1998, con la speranza di poter riprodurre sui nostri pc la stessa atmosfera di questo sci-fi di culto, non ci vede interpretare purtroppo né Mulder e né Scully, come era lecito pensare, ma bensì un terzo agente, Craig Willmore, il cui incarico è guardacaso quello di scoprire che fine abbiano fatto i due agenti che da qualche giorno sono spariti dalla circolazione.

Questa scelta ha fatto storcere più di una bocca: tutti i fans speravano infatti di impersonare i propri beniamini, anziché un egregio mister Nessuno!

Tuttavia pare che la scelta fu fortemente voluta proprio da Chris Carter, il creatore della serie, perché pensava che così il gioco potesse essere più appetibile sopratutto a chi la serie non l'aveva mai vista prima.

I primi indizi conducono Willmore in un magazzino abbandonato e quindi da lì partiranno le nostre indagini, indagini che ci porteranno a scoprire un bel po' di cose marce, come casi di contrabbando, avvelenamenti da radiazioni, intrighi governativi e ovviamente..presenze extraterrestri!!! La ricerca dei due agenti spariti porterà poi Willmore a cercare la verità su tutto ciò, e lo porterà ad avere a che fare anche con informatori oscuri e agenti dell'Fbi doppiogiochisti... 

Il gioco è un'avventura grafica in prima persona gestita interamente da mouse! X-Files è uno di quei pochi giochi realizzati in FMV (full motion video), la stessa tecnica di Gabriel Knight 2, che quindi conferisce il massimo realismo al gioco.

In pratica avremo a che fare con ambienti reali e personaggi che interagiranno con noi con le loro vere fattezze! Tutto è sapientemente stato riprodotto in maniera realistica, come gli uffici dell'Fbi, i magazzini abbandonati, le basi militari segrete, le case che andremo a visitare. Durante i filmati di intermezzo, sempre in FMV, potremo apprezzare anche il nostro personaggio, Craig, che impersoneremo per tutto il corso delle nostre indagini.

Solo sporadicamente potremo vedere per pochi istanti Fox e Dana, ma come detto prima non potremo mai impersonarli..

Belle le musiche che ricordano ovviamente quelle della serie TV, compreso il pezzo della sigla, e non sono mai invadenti trasportandoci bene nei misteri che andremo ad affrontare. Il gioco è localizzato in un buon italiano.

Per accedere all'inventario basterà posizionare il puntatore nella parte bassa dello schermo e appariranno come per magia tutti gli oggetti in vostro possesso. Se invece portate il cursore nella parte alta, potrete accedere al menù principale dove troverete le opzioni del gioco.

X-Files cerca di sforzarsi di fornire un'esperienza autentica da agente dell'Fbi al giocatore: figuratevi che anche prima di poter interrogare qualcuno, vi verrà chiesto di mostrare il vostro distintivo come nella realtà! Con tutta questa ricerca di realtà,ecco perché gli enigmi che contiene X-Files sono quasi sempre di natura altamente logica, concentrandosi in particolar modo sugli interrogatori che terremo e sui rilievi che faremo nelle scene dei crimini.

Purtroppo per rilevare degli indizi sulle varie scene che ci si presenteranno, avremo a che fare parecchie volte con quel maledetto problema chiamato "pixel hunting", quindi assicuratevi sempre bene di aver sviscerato tutto prima di andarvene, sopratutto in quei posti dove c'e' poca luce e che potrebbero trarvi in inganno!

Fortunatamente è stata implementata una funzione di aiuto che in base alla difficoltà scelta, poteva essere selezionata; in pratica questa funzione emetteva una piccola lucina blu nella posizione degli oggetti presenti nello schermo, dandovi la possibilità di trovare anche quello che, altrimenti, non avreste visto. Un po' un modo di barare insomma (al giorno d'oggi lo abbiamo visto in Tunguska), anche se delle volte ci salvava davvero dagli impicci. 

Willmore nelle sue indagini sarà corredato anche da gadget del caso altamente tecnologici, come un binocolo, un apri-serrature, degli occhiali per la visione notturna, un cellulare e un piccolo Pda. Grazie a quest'ultimo gli sarà possibile ricevere e-mail e anche segnare i suoi appunti su ciò che man mano verrà a scoprire! 

Il gioco è abbastanza lineare, quindi niente intreccio della trama o possibilità di investigare a zonzo come si vuole, ciononostante il giocatore rimarrà saldamente attaccato alla storia, cercando di venirne a capo il prima possibile.

Una cosa positiva del gioco è la possibilità di variare i suoi toni durante i dialoghi con gli altri personaggi. Essendo un gioco dove avrete a che fare con gente che non sapete mai se sta dalla vostra parte o no, come nel telefilm, potrete porvi ai vostri interlocutori nella maniera che riterrete più opportuna. Quindi potrete impostare un dialogo su toni decisamente arrabbiati, come invece potrete farlo in maniera leggera, alterando ovviamente così l'esito della discussione.

Tutto ciò è per rivelare quello che si vuole a chi si vuole...visto che è sempre bene mantenere alto il tasso di diffidenza verso chiunque.

Nonostante i sette cd che formavano l'intera avventura, X-Files non è un gioco particolarmente longevo, infatti in una quindicina di ore si può portare a termine. Purtroppo soffre della maledizione degli altri giochi in FMV, dove la linearità è strettamente rigorosa e dove le azioni devono essere completate in un certo ordine per poter andare avanti.

Va infine detto che difficilmente lo rigiocherete dopo averlo finito, se non per vedere qualche diversità nei dialoghi in base all'impostazione che vorrete dargli, ma niente è particolarmente diverso!

Concludendo, per gli appassionati della serie è comunque un'occasione da non lasciarsi scappare, perché anche se non ci sono Mulder e Scully, troveranno l'aria da complotto e da doppiogiochismo tipica della serie; per i non amanti del telefilm invece è una buona occasione di conoscere X-Files pur senza doverne per forza sapere gli antefatti, perché comunque si tratta di una sceneggiatura completamente originale.

Un gioco non particolarmente lungo, ma che potrebbe regalarvi qualche ora di divertimento!

(Recensione a cura di: Bandy)

I complotti e le indagini continuano sull'Ogi Forum

Invia nuovo commento
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
   __     _____               
/ /_ |___ / _ __ ____
| '_ \ |_ \ | '_ \ |_ /
| (_) | ___) | | | | | / /
\___/ |____/ |_| |_| /___|
Enter the code depicted in ASCII art style.