Ultima: I Materiali Inediti della Origin - Parte 1
Cosa ci siamo persi?

Se la saga di Ultima, creata da Richard Garriott, ha segnato 20 anni di storia dei giochi di ruolo su computer, le due parti del settimo capitolo (intitolate The Black Gate e Serpent Isle) rappresentano probabilmente due delle più importanti pietre miliari del genere.
Due titoli a tutt'oggi insuperati sotto tantissimi aspetti.

Questo articolo è il primo di una serie volta a raccogliere e conservare ciò che dei due giochi è stato scartato in fase di realizzazione. Un modo, crediamo originale, per "spiare" il dietro le quinte di una software house rivoluzionaria come la Origin Systems. Un modo per immaginare quello che poteva essere e non è stato. Un modo per ritornare con la memoria alle bellissime ore che la saga di Ultima ci ha regalato.

Iniziamo quindi con la versione completa dell'introduzione di Ultima 7 Part 2: "Serpent Isle".

    

Al momento della sua uscita, l'intro di Serpent Isle fece un certo scalpore: insieme a quella di King's Quest 6 (ancora più maestosa), è stata una delle prime introduzioni completamente realizzate in grafica rendering.
Oggi la qualità della resa grafica fa sorridere, ma nel lontano 1993 rappresentava la promessa di un glorioso futuro multimediale ormai alle porte. Erano del resto gli anni del MS-DOS e della VGA a 256 colori in 320x200! E, in un Italia all'epoca ancora tecnologicamente arretrata, di sicuro in pochi avevano una Sound Blaster PRO per godersi anche lo strabiliante parlato digitalizzato con l'autentica voce di Richard Garriott nei panni di Lord British!

Fatto sta che tutta questa meraviglia occupava ben 8 Mb!
Troppi, per una distibuzione su floppy disk.
E fu così che l'introduzione, già pronta, fu modificata e tagliata per occupare meno spazio.

La versione originale dell'introduzione fu recuperata e mostrata al pubblico solo anni dopo, grazie all'intervento di Denis Loubet, storico artista della Origin. E la versione "director's cut" è ancora hostata sul sito, per quanto senza il parlato e senza il volto del Guardiano (che fu aggiunto in seguito, per sincronizzare il labiale).

Solo successivamente un fan di Ultima (KobraKaiDragon) si è accollato l'onere di rimontare tutti gli effetti sonori ed il volto del Guardiano sulla versione "director's cut". Ed è così che, grazie a lui, oggi possiamo assistere all'introduzione di Serpent Isle così come l'avevano immaginata alla Origin.

Eccola qui: 

 

Questa invece è la versione ufficiale che è stata pubblicata:

 

Questa invece è la "director's cut" apparsa sul apparsa sul sito di Denis Loubet.

 

Visita il sito ufficiale di Denis Loubet, grafico ed artista della Origin, a cui vanno i ringraziamenti di OldGamesItalia per aver salvato la sua versione originale dell'introduzione di Ultima 7 part 2.

 

Invia nuovo commento
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
                        ___  
___ ___ ___ / _ \
/ __| / __| / _ \ | (_) |
| (__ | (__ | __/ \__, |
\___| \___| \___| /_/
Enter the code depicted in ASCII art style.