Hustle Cat

Avery Grey è ospite, assieme al suo micio Mochi, a casa della zia ed è in cerca di lavoro. E, guarda un po' che fortuna, c'è un Cat Cafè che cerca personale proprio lì vicino! Gli altri camerieri sembrano simpatici, il proprietario sembra un goth troppo cresciuto ma simpatico anche lui, il locale è pieno di adorabili gatti e il lavoro non è difficile.
Fantastico, no?
Un po' meno fantastica è la scoperta che fa Avery un paio di giorni dopo: chiunque lavori lì, si becca una maledizione che lo trasforma in felino appena esce dal locale. Ci sarà un modo per rompere la maledizione?

Hustle Cat è una visual novel romantica realizzata da Date Nighto. Consta di cinque routes principali (i sei camerieri che lavorano con noi) e una segreta, sbloccabile solo dopo aver completato le prime cinque.

La storia è graziosa anche se non particolarmente approfondita o coerente. Le motivazioni dietro la maledizione, per esempio, non hanno tantissimo senso e sono anche strane le reazioni di alcuni personaggi ai vari avvenimenti del gioco. Anzi, sotto questo aspetto, l'unico personaggio coerente è il nostro, che, quando scopre di starsi trasformando in felino, ha una comprensibile crisi.

Tutti gli altri invece, reagiscono con fin troppa calma a qualsiasi cosa: dalla scoperta di un tomo magico alla possibile rottura della maledizione (addirittura, una delle nostre colleghe che guadagna grazie alla maledizione, scrolla le spalle serenamente quando viene a sapere che si potrebbe sciogliere: immaginate di perdere domani il vostro posto di lavoro, non credo la prendereste allo stesso modo ^^).

Mi ha fatto piacere notare che ognuno dei personaggi, specialmente il nostro capo, sono stati approfonditi e si è cercato di non ricadere troppo nei cliché. La cosa è riuscita solo in parte, e alcune delle routes risultano troppo piatte o inverosimili; in altre, non ho capito dove sarebbe l'intesa romantica fra noi e il personaggio scelto come partner. Un paio, invece, sono riuscite molto bene e, anche se non troppo originali, sono più dettagliate (ad esempio, quella di Mason).

Nel complesso, la storia è sufficiente, con un bonus se vi piacciono i gatti, ovviamente! Ho apprezzato anche diverse battute di dialogo, anche se nel complesso non brillano. Di nuovo, ad essere meglio caratterizzato qui è il nostro personaggio, che spesso dice cose sensate; gli altri personaggi sono tutti un po' più macchiettistici.

Il gameplay è molto classico: dobbiamo, di volta in volta, scegliere cosa fare o cosa dire nelle varie situazioni. Ogni scelta ci darà dei “punti” invisibili verso uno dei nostri possibili partner e, alla fine della prima parte del gioco, imboccheremo la route del personaggio con cui avremo totalizzato più “punti”. Non è difficile capire cosa scegliere per finire con chi preferiamo e anche sbagliando una o due volte è ancora possibile finire il gioco col personaggio che ci interessa. L'eccezione è la route segreta: per imboccarla, dovremo azzeccare le prima quattro o cinque scelte (ma non è difficile per nulla, e comunque ci sono diversi indizi).

Hustle Cat è solo in inglese e si tratta di un inglese abbastanza facile, affrontabile da chiunque abbia un'educazione scolastica e se la senta di fare lo sforzo.

Graficamente è bellissimo: i personaggi sono graziosi e ovviamente i gatti lo sono ancora di più! Le illustrazioni sono un po' meno “pulite”, ma comunque molto belle. Il gioco ha una intro animata molto carina e nel menu c'è una tazzina di caffé che presenta delle decorazioni di schiuma che variano a seconda delle routes che abbiamo completato. Tocchi molto bellini, che danno un'idea di pulizia e professionalità.

Il sonoro... dipende un po' da voi: la maggior parte delle musichette non era fastidiosa, ma avrei ucciso chi ha fatto quella del menu iniziale.

Nel complesso, Hustle Cat non mi è dispiaciuta, ma non posso neanche dire che sia stata una delle più belle visual novel che abbia mai giocato. Se vi piacciono i gatti – e il romance – forse fa per voi; altrimenti, passate pure oltre.

Tech Support: Error Unknown

Non è facile essere un operatore del servizio clienti di un prodotto tecnologico: si è spesso a contatto con gente nervosa, che in molti casi non sa neanche usare quello con cui ha problemi; l'azienda costringe a chiamate brevi e a tempistiche massacranti e la paga non è molto alta.

In Tech Support: Error Unknown noi siamo proprio un addetto del Servizio Clienti e dobbiamo fare i conti, non solo con la clientela più o meno problematica, ma anche con i metodi, diciamo, poco legittimi della nostra azienda in materia di privacy. E le cose si complicheranno ancora di più quando saremo contattati da un'organizzazione misteriosa e persino dalla polizia.

Ma in cosa consiste il gioco nello specifico? Scopriamolo assieme.

Tech Support: Error Unknown, sviluppato dalla Dragon Slumber per la Iceberg Interactive, è un “simulatore di desktop”, in questo caso il desktop del nostro assistente del Servizio Clienti. L'azienda per la quale lavoriamo, la Quasar Telecommunications, ci ha messo a disposizione tutto quel che ci serve per lavorare, ossia un programma con cui ricevere le richieste di aiuto e tramite il quale rispondere. Non potremo, infatti, rispondere liberamente, ma dovremo selezionare delle risposte standard da un menù a tendina, abbastanza facile da usare. Al cliente la conversazione dovrà sembrare realistica, quindi non possiamo dare risposte a vanvera.

Il cliente ci lascerà una recensione, un punteggio in stelline e una mancia, in base a quanto siamo stati rapidi e precisi nell'aiutarlo – e in base al suo umore. Scendere sotto un determinato punteggio, o sbagliare troppe richieste (anche aiutando il cliente, per esempio offrendo una sostituzione del prodotto gratis a un cliente che non ne ha diritto), porta al licenziamento in tronco.

Questo quadro è già abbastanza alienante, ma le cose si complicano quando ci rendiamo conto che la Quasar Communications ha tutto l'interesse a spiare i nostri clienti, per “fornire un servizio migliore”, naturalmente. Ci verranno dati sempre più poteri, fino a quello di entrare e controllare il telefono dei clienti da remoto.

Non tutti i clienti sono ignari di questa situazione e l'opinione pubblica comincia a essere più intollerante nel vedersi negati i propri diritti alla privacy. Ben presto verremo contattati dalla polizia, che sta indagando sulla Quasar Communications, e anche da un'organizzazione che vuole scoprire fino a che punto è pronta a spingersi la Quasar e ha interesse ad assoldarci come “spie”.

Noi dovremo decidere da che parte stare, cosa comunicare alla polizia; le nostre azioni potrebbero anche essere influenzate da problemi personali che ci pioveranno addosso di tanto in tanto, come la malattia di nostra madre, che ha bisogno di una cospicua somma di denaro per curarsi. I soldi che guadagniamo non sono moltissimi, ma ci sono modi alternativi di guadagnarli, per esempio frugando nei telefoni dei nostri clienti e ricattandoli con le informazioni trovate...

L'idea di Tech Support: Error Unknown è molto buona; la realizzazione purtroppo non brilla: il gameplay alla lunga è ripetitivo e nessuno dei personaggi coinvolti è abbastanza sviluppato da creare reale coinvolgimento emotivo. Il gioco soffre anche un po' di alcune limitazioni macchinose, come il fatto che il nostro pc di lavoro non permette di tenere aperte e visibili più di 3 app contemporaneamente. È una seccatura doverne continuamente chiudere una per aprirne un'altra, per poi chiuderne un'altra ancora per aprirne una quarta.

Ho letto in molte recensioni di problemi con lo script delle chat con i clienti, che a volte rispondono in modo incoerente al nostro prompt o lasciano recensioni contrastanti con il tono della conversazione avuta precedentemente. Io non ho riscontrato questi problemi, che però mi son sembrati abbastanza diffusi: o stavo giocando una versione patchata, oppure ho avuto fortuna, non lo so.

Il gioco presenta 21 finali. C'è quindi una bella varietà, è possibile seguire molte strade: appoggiare la Quasar, appoggiare l'organizzazione, non appoggiare nessuno... queste sono le strade più ovvie, ma ce ne sono altre, più o meno facili da scovare.

Tech Support: Error Unknown è il classico gioco che non ha grossi difetti, è abbastanza ben fatto, ma resta un po' anonimo perché nulla è davvero innovativo o particolare, quindi non riesce a lasciare il segno. È comunque un buon gioco, che può divertire e che vale i soldi che chiede. Aspetto il prossimo lavoro della Dragon Slumber!

Dead by Noon

Titolo:
Dead by Noon
Autore:
pinellos
Genere:
Ambientazione contemporanea
Anno:
2019
Sviluppato:
Sconociuto
Piattaforma:
Windows, Linux, OS X, Android, iOS
Download:
Dead by Noon Gioca il gioco online!

Avventura realizzata per la Marmellata d'Avventura 2019.

"Si parte per il solito lavoro in una fredda mattina invernale... per ritrovarsi in mezzo all'apocalisse.

In 'Dead by Noon' non c'è tempo da perdere, letteralmente: interagisci coi personaggi, cerca di farteli amici, e nel frattempo tenta di trovare un modo per uscire vivo dalla più brutta mattinata della tua vita!"

Discutiamone insieme sull'OGI Forum!

"SAL & JOE!", "CHI?"

Titolo:
"SAL & JOE!", "CHI?"
Autore:
E-Paper Adventures
Genere:
Ambientazione contemporanea
Anno:
2019
Sviluppato:
Piattaforma proprietaria
Piattaforma:
Windows, Linux, OS X, Android, iOS
Download:
"Sal & Joe", "Chi?" Gioca il gioco online.

Avventura realizzata per la Marmellata d'Avventura 2019.

"Per un duo jazz come Sal&Joe affrontare situazioni difficili non é un evento raro. Ne hanno viste di cotte e di crude viaggiando per gli Stati Uniti con il loro sgangherato furgone...

Ma sbarcati al The One Room Saloon, un localaccio in mezzo al nulla, pieno di attaccabrighe, perdigiorno e tipi poco raccomandabili, dovranno condurre in porto una serata che si preannuncia catastrofica, prima di poter ripartire per la loro prossima tappa. Ce la faranno?"

Discutiamone insieme nell'OGI Forum!

George

Titolo:
George
Autore:
Manu l'Avventuriero & Joe Red
Genere:
Ambientazione contemporanea
Anno:
2019
Sviluppato:
Inform7 - formato Glulx
Piattaforma:
Windows, Linux, OS X, Android, iOS
Download:
George Scarica il gioco!

Avventura realizzata per la Marmellata d'Avventura 2019.

"In quest'avventura vesti i panni di Alfred, un padre sbadato che dimentica suo figlio per un'avventura testuale. Il gioco gira attorno agli immani sforzi che il povero padre fa per trovare suo figlio.

Tra presuntuosi, bambini viziati, secchioni nerd, baroni... chi più ne ha più ne metta... chissà se il nostro amico riuscirà nell'impresa! L'esito dell'avventura dipende solo dal vostro ingegno!"

Discutiamone insieme nell'OGI Forum!

La Gabbia

Titolo:
La Gabbia
Autore:
Niphre
Genere:
Ambientazione contemporanea
Anno:
2019
Sviluppato:
Sconociuto
Piattaforma:
Windows, Linux, OS X, Android, iOS
Download:
La Gabbia Scarica il gioco!

Avventura realizzata per la Marmellata d'Avventura 2019.

"Cosa accade davvero nella Gabbia? Cos'hai fatto per finire lì dentro? La Gabbia esiste o è solo nella tua mente? Il lato oscuro dell'avventura testuale ti attende."

Discutiamone insieme nell'OGI Forum!

Io sono August

Titolo:
Io sono August
Autore:
Alessandro Schillaci & Paolo Lucchesi
Genere:
Ambientazione contemporanea
Anno:
2019
Sviluppato:
Inform7 - formato Glulx
Piattaforma:
Windows, Linux, OS X
Download:
Io sono August Scarica il gioco!

Avventura realizzata per la Marmellata d'Avventura 2019.

"Anche oggi mi portano nella stanza dei giochi. La odio, vorrei stare da solo, nella mia stanza, a pensare.
Ormai è molto che sono in questo luogo, troppo. Mesi... forse anni...
Mi dicono che è per il mio bene, che sono malato, che non mi ricordo più nemmeno chi sono.
Loro lo ignorano, ma io so benissimo chi sono.
Io sono August.

E devo fuggire da qui."

Discutiamone insieme nell'OGI Forum!

Il Tesoro della Sala Giochi

Titolo:
Il Tesoro della Sala Giochi
Autore:
Roberto Barabino
Genere:
Ambientazione contemporanea
Anno:
2019
Sviluppato:
Inform7 - formato Z-Code
Piattaforma:
Windows, Linux, OS X
Download:
Il Tesoro della Sala Giochi Scarica il gioco!

Avventura realizzata per la Marmellata d'Avventura 2019.

"Sei un uomo, e hai un gatto. Insieme vi arrampicate sul Monte Alfiere alla ricerca del tesoro della sala giochi di un tuo prozio deceduto anni prima.

Che cosa troverai?"

Discutiamone insieme nell'OGI Forum!

Ti Hanno Fregato i Gettoni!

Titolo:
Ti Hanno Fregato i Gettoni!
Autore:
Flavio Gavagnin
Genere:
Ambientazione contemporanea
Anno:
2019
Sviluppato:
Inform7 - formato Glulx
Piattaforma:
Windows, Linux, OS X
Download:
Ti Hanno Fregato i Gettoni! Scarica il gioco!

Avventura realizzata per la Marmellata d'Avventura 2019!

"Un sabato pomeriggio in sala giochi si trasforma in un'avventura inaspettata non appena una banda di bulli ti intercetta rubandoti i gettoni che avevi appena comprato!

Ora non hai più soldi per altri gettoni; il tuo orgoglio ti impedisce di tornare a casa sconfitto, quindi decidi di opporti e tentare di recuperare il mal tolto. Ce la farai?"

Discutiamone insieme nell'OGI Forum!

Operazioni Sala Giochi

Titolo:
Operazioni Sala Giochi
Autore:
riobros
Genere:
Ambientazione contemporanea
Anno:
2019
Sviluppato:
Sconociuto
Piattaforma:
Windows, Linux, OS X, Android, iOS
Download:
Operazione Sala Giochi Gioca il gioco online!

Avventura realizzata per la Marmellata di Avventura 2019.

"Lo zio Frank ti ha chiamato, perché il gioco del Pacman non si accende più. Hai pochissimo tempo per ripararlo, dato che deve ritornare a funzionare prima dell'apertura della Sala Giochi. Parliamo del mitico Pacman, il cabinato più giocato dell'intera Sala Giochi.

Ti chiami Nicos Martin e la tua azienda fornisce noleggio e assistenza di videogiochi cabinati, sia nel tuo paese, che nelle zone limitrofe. Sei molto bravo nel tuo lavoro, ma dato che fai nottate in giro per il paese con mangiate e fiumi d'alcool, molto spesso la mattina non ricordi neanche il tuo nome, altro che riparare cabinati!"

Discutiamone insieme nell'OGI Forum!

Arriva Pixel Manager: Football 2020 Edition

Gli epigoni digitali di Oronzo Canà, orfani di manageriali storici del calibro di The Manager e PC Calcio, accoglieranno con smodato giubilo la pubblicazione di Pixel Manager: Football 2020 Edition, "un moderno gioco di calcio, con pixel grossi come una casa!"
 
Ispirato ai grandi classici degli anni '90 (The Manager, Kick Off Player Manager, Premier Manager), Pixel Manager: Football 2020 Edition è stato sviluppato per sistemi iOS e Android, con una visione moderna e accattivamente.
Il progetto ha richiesto ben 2 anni per essere completato. La fase di closed beta è durata parecchio, ciò ha permesso agli autori di essere sicuri che il gameplay funzionasse a dovere e che l'interfaccia risultasse chiara rendendo il gioco immediato e divertente.
 
Pixel Manager: Football 2020 Edition è stato mostrato al pubblico per la prima volta in occasione della Gamescom 2019 a Colonia.
 
Alcune delle cose che rendono questo gioco unico:
 
- Gestione manageriale curata nei minimi dettagli!
 
- Possibilità di prendere decisioni tattiche in base all'andamento delle partite e cambiare strategia al momento giusto.
 
- Milioni di combinazioni di personaggi possibili!
 
- Collezione delle figurine dei calciatori!
 
- Un mucchio di riferimenti ai videogiochi, alla cultura geek e pop e alle battute che alimentano il mondo del calcio.
 
- Accessibile a tutti!
 
 
A proposito... il gioco è gratuito! Cosa aspettate allora a scendere in campo?
 
NOTA: Nel caso si trovasse un publisher interessato, potremmo persino ricevere una versione desktop del gioco!

Visitate la pagina ufficiale del gioco.
 

Giochiamo insieme a Root Letter - Last Answer

Accompagniamo OjO nei suoi panni da detective in Root Letter - Last Answer, remaster di una visual novel investigativa uscita nel 2016 e ambientata nella città di Matsue, nella prefettura di Shimane, che pare abbia anche finanziato lo sviluppo del gioco.

OjO ci porta alla scoperta della prima ora di questa curiosa visual novel!

Eliza

Forse è superfluo spiegare cos'è Eliza, il programma del 1964, ma andiamo sul sicuro: Eliza fu un simulatore di conversazione sviluppato appunto nel 1964 al MIT da Joseph Weizenbaum. Era un programma molto rozzo, che simulava molto alla buona l'approccio di un terapeuta: faceva domande all'interlocutore usando le parole chiave che venivano fuori durante la conversazione.

Nonostante la sua scarsa intelligenza, Eliza fu ben ricevuto quando venne realizzato: all'epoca molti ebbero la sensazione di parlare con una persona “vera” ed erano convinti che il programma fosse davvero intelligente.

Ebbene, l'Eliza di cui parliamo oggi prende spunto dall'Eliza del 1964 e costruisce una storia sulla salute mentale e sull'uso della tecnologia per risolvere i problemi di oggi. Si tratta di una visual novel, realizzata da Zachtronics, in cui noi interpretiamo Evelyn, nuova assunta alla Skandha.

La Skandha offre il servizio di consulenza psicologica Eliza, così chiamato in nome dell'Eliza originale: è un'IA che ascolta le persone, diagnostica un problema e offre delle soluzioni, fra cui esercizi di meditazione e consigli su quali medicine richiedere al proprio medico.

Evelyn è un Proxy: a differenza di altri programmi di consulenza psicologica, Eliza offre un'interfaccia umana. Il Proxy legge le risposte che il programma consiglia in modo che il servizio possa godere sia della precisione del programma, che del “tocco umano” dato dalla “persona vera” che sta dall'altro lato del tavolo. Può un programma sostituire effettivamente una vera seduta psicologica? È possibile, grazie alla tecnologia, ridurre le sofferenza dell'umanità? Quali sono i rischi in cui è possibile incorrere durante il percorso? Queste sono le principali, ma non le uniche, domande che si pone Eliza.

Partiamo dunque dall'analisi della storia. Attraverso la storia di Evelyn, che deve fare i conti con il suo passato e con i tre anni in cui si è allontanata dal mondo, andremo a esplorare le possibilità di Eliza, il suo futuro, e a conoscere le persone che ci hanno lavorato in passato e quelle che ci lavorano adesso.

La narrazione è molto coinvolgente e i personaggi sono veramente ben resi, tutti quanti: da Evelyn, sulla quale ho un paio di riserve che esprimerò più sotto, ai clienti con cui avrà a che fare, ai colleghi e ai pochi amici che ha. Quello che mi ha colpito di più è forse Soren, personaggio molto fastidioso, ubriacone e totale "creep", che però suscita lo stesso la compassione del giocatore, quando il gioco ci mostra le sue motivazioni.

Le tematiche affrontate sono terribilmente attuali e tutte, ma proprio tutte, sono drammatizzate attraverso i vari personaggi. Eliza mostra la nostra società, nel futuro, sì, ma fondamentalmente è la nostra, ossia una società che tende non solo e non tanto a sostituire l'essere umano con la macchina, quanto a usare la macchina per “pensare” e dedurre al posto dell'essere umano.

Perché la cosa più inquietante dello scenario proposto dal gioco non è tanto la mancanza di contatto umano, quanto la presunta capacità di Eliza di diagnosticare correttamente il problema del “paziente” (fra virgolette perché Eliza, nel gioco, non è ancora riconosciuto come strumento medico e non può prescrivere medicinali, ma, come dice un personaggio, la cosa è destinata a cambiare “se l'FDA continua a stare dalla nostra parte”). E, soprattutto, di saper applicare il rimedio necessario. Tutto questo, senza che ci sia alcun medico nel team che ha creato Eliza e che lo aggiorna costantemente.

Pochi personaggi si pongono quest'ultimo problema e le domande sull'efficacia del programma, che sono in effetti parecchie nel corso del gioco, non vengono quasi mai affrontate in maniera seria e professionale, ossia chiedendo il parere di medici. Si ricorre quasi sempre all'esperienza personale, che come è ben risaputo, non è mai prova sufficiente di alcunché, e alle “idee” che i diversi personaggi hanno della situazione.

L'unico personaggio nel gioco che è effettivamente uno psicologo nutre dubbi sull'efficacia del programma, ma propone lui stesso una soluzione che non è veramente tale, che ricorre anch'essa alla tecnologia come panacea di tutti i mali e che di fatto “sposta” il problema sotto il tappeto invece che risolverlo. Non risulta un personaggio particolarmente autorevole.

Non critico questa scelta dal punto di vista narrativo... ma è curioso come sia involontariamente specchio di una bruttissima abitudine della nostra società, quella appunto di non appoggiare il nostro parere su quello degli esperti del settore, ma di costruire le nostre idee sulle fragilissime basi del sentimento personale. Peccato che anche questo non sia stato tenuto in conto dal gioco.

La cosa furba di Eliza, se non un po' irrealistica, è stata quella di creare dei personaggi, la gran parte se non tutti, dalle buone intenzioni. Quasi nessuno, nel gioco, parte con l'idea “maligna” di sfruttare il malessere e i dati dei “pazienti”, tutti vogliono aiutare i propri simili, o se stessi, o vogliono cavalcare un'onda che, comunque, qualcuno cavalcherà. La dipendenza dalla tecnologia, l'assimilazione dei dati personali da parte delle multinazionali, lo sviluppo di intelligenze artificiali che un giorno ci sostituiranno o ci affiancheranno anche nelle mansioni che ora consideriamo nostro appannaggio, appaiono inevitabili in ogni caso.

Eliza dipinge quindi lo scenario migliore possibile, ossia quello in cui il nostro benessere psicologico è affidato a gente che è seriamente benintenzionata e che adotta tutte le misure necessarie per tenere al sicuro i nostri dati sensibili – e mostra che, nonostante questo, le complicazioni ci sono, sono gravi, e il problema originario è tutto fuorché risolto.

Questo si vede prima di tutto nei pazienti, persone con problemi spesso gravi che, nonostante il disclaimer all'avvio di Eliza che raccomanda di rivolgersi a una vera figura medica in questa situazione, non possono, per soldi, per vergogna, perché non sanno di stare davvero male, andare da un vero medico. Ed è ambigua la posizione degli impiegati della Skandha: quanto vogliono davvero aiutare queste persone? Perché non c'è una feature in Eliza che avvisi della gravità del problema e suggerisca, invece del programma di meditazione incorporato nell'app, di rivolgersi a uno specialista?

Viene quindi mostrata anche la questione etica: cosa fare quando quello che stai programmando può, sì, avere utilizzi positivi, ma può anche essere usato per fare danni, ma grossi danni? È lecito per un programmatore considerarsi solo “l'esecutore” dei comandi dall'alto e non assumersi alcuna responsabilità di quello che sta andando a creare e di come sarà usato? Anche il Proxy, d'altronde, è mero “strumento” del programma, recita le battute che deve recitare, e quanta responsabilità ha quando interagisce con persone che dovrebbero essere in cura?

Come dicevo, la scelta furba è stata quella di creare personaggi ben intenzionati e non macchiette malvagie disposte a tutto pur di fare quel milioncino in più: è stato furbo perché indubbiamente molti di coloro che lavorano dietro programmi controversi sono effettivamente ben intenzionati. Il gioco lascia aperto il giudizio finale, ossia quanto questa gente abbia ragione e quanto invece sia avulsa dalla realtà e dalle logiche normali. Eliza è pieno di piccoli dettagli che, anche se non commentati apertamente, mostrano diverse sfaccettature della problematica scelta come tema, e non posso dire di essere rimasta delusa, anzi.

Veniamo al gameplay. Qui, si poteva fare di meglio. Apparentemente, il sistema è più complesso del solito, per una visual novel. Abbiamo numerose scelte durante i dialoghi e nessuna, invece, nelle sedute con i pazienti: qui possiamo solo dire quello che ci suggerisce Eliza.

Per il primo capitolo (Eliza ne ha 7 in tutto) va anche bene, ma presto ci si accorge che le scelte che facciamo durante i dialoghi sono poco significative. Possiamo decidere di dirci pro o contro certe idee, ma questo non ci preclude la possibilità di scegliere un finale diverso nel capitolo 7; possiamo anche decidere se passare alcuni pomeriggi con questo o quel personaggio o da soli, ma anche questo non porta a nessuna conseguenza specifica. Alla fine del capitolo 7 potremo decidere cosa fare e raggiungeremo uno di 5 finali. Non c'è un finale migliore dell'altro (se non dal punto di vista soggettivo).

Anche per quanto riguarda le sedute come Proxy, avremo la possibilità di andare "off script" solo nell'ultimo capitolo. Fa strano che Evelyn non possa/voglia provare ad andare "off script" prima, specialmente quando si trova davanti a persone che chiaramente hanno bisogno di aiuto e non di sentirsi raccomandare l'app meditativa “Delfini Golosi”. E per giunta sembra anche una stronza, quando dice di farlo “per ricerca”. Quando infine possiamo andare "off script", i rischi per noi sono minimi, e il momento è spogliato dell'impatto che poteva avere.

Capisco anche che l'idea era quella di farci esplorare Eliza e le possibilità offerte ad Evelyn nella loro interezza prima di farci scegliere. Ma ci sarebbero stati modi di ottenere lo stesso risultato con delle scelte che facessero la differenza. Al momento, mi è parso quasi di avere davanti una kinetic novel in alcuni momenti, specialmente nelle sedute con i pazienti, e fa strano che nonostante i comportamenti diversi che possiamo avere, alla fine il mondo aspetti la nostra scelta come se fossimo la principessa sul pisello. Un gameplay più significativo avrebbe reso anche la storia più profonda e avrebbe accentuato l'importanza della scelta presa dalla protagonista.

Chiudiamo, come sempre, con il punto di vista tecnico. Dal lato grafico, Eliza non delude: i disegni sono bellissimi, sia quelli degli sfondi che gli sprite dei personaggi. La colonna sonora non sarà indimenticabile ma ha bei pezzi, adatti alle varie scene e poco intrusivi.

Lamento invece la mancanza di un tasto “passa veloce oltre il testo già letto”. Quando si vuole fare una visual novel che non usi Ren'Py, si dovrebbero quanto meno inserire le opzioni a cui Ren'Py ci ha abituati. È vero che qui possiamo saltellare da un capitolo all'altro e che è possibile skippare intere scene già lette, ma non è la stessa cosa: se io voglio ricominciare il gioco per vedere se facendo determinate scelte dall'inizio cambia qualcosa alla fine, sono comunque costretta a fare una marea di click!

È invece presente un tasto “history” che ci mostra quel che abbiamo letto fino a quel momento, e c'è la funziona "Auto", anche se ha solo due velocità (quindi non è possibile settarla alla velocità super-folle per ovviare alla mancanza del tasto Skip ^^').

Eliza è una buona visual novel, con un comparto narrativo di ottimo livello. Si sarebbero potute migliorare diverse cosucce, ma nel complesso sono soddisfatta di come mostra uno spaccato della nostra società e dell'industria tecnologica attraverso le vicende di un cast di personaggi realistico e abbastanza sfaccettato. Il gameplay invece poteva essere curato di più, o forse meglio: peccato, perché se così fosse stato avrebbe fatto un bel salto di qualità. Nonostante questo, la consiglio a tutti quelli che non odiano le visual novel e sono interessati all'argomento.

Luci della finanza

Titolo:
Luci della finanza
Autore:
Marco Vallarino
Genere:
Ambientazione contemporanea
Anno:
2020
Sviluppato:
Inform6 - formato Z-Code
Piattaforma:
Windows, Linux, OS X, Android, iOS
Download:
Luci della finanza (file ZIP da decomprimere)

TRAMA DEL GIOCO

L’orfanotrofio in cui sei cresciuto rischia di chiudere! I bambini che vivono oggi nella struttura finiranno per una strada se le suore non ripianeranno i debiti accumulati negli ultimi anni. Tu non sei uno dei Blues Brothers, e nemmeno l’Uomo Tigre, ma con il trading te la cavi abbastanza bene. A dispetto delle tue umili origini, la compravendita di azioni ti ha permesso di farti una posizione nel campo della finanza.

Così, dopo essere diventato Lance Lloyd, principe della Borsa, hai convinto le suore ad affidarti i loro pochi risparmi per farli fruttare abbastanza da sistemare i conti dell’orfanotrofio. In base a ciò che sentirai (e osserverai e leggerai) in giro, dovrai comporre, con la necessaria tempestività, un portafoglio di sette azioni sufficientemente diversificato e capace di sfruttare i trend del mercato per ottenere i guadagni sperati.

Trovare, nei dintorni del palazzo della Borsa, gli esperti del settore più preparati e meglio informati, e indurli a spifferarti i loro titoli “sicuri” non sarà semplice. Ma il destino dell’orfanotrofio è nelle tue mani. Le suore e i bambini contano su di te, non deluderli!